Commenti all'articolo Bonafede sarà travolto dal grillismo

Torna all'articolo
Avatar
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
stefano
stefano
8 Maggio 2020 15:30

…almeno si facesse la barba questo quì o torni a mettere la musica in discoteca…che vergogna…povero paese ,un governo di smandrappati sfasciabaracche…

gecam
gecam
7 Maggio 2020 21:54

C’è poco da essere allegri ed i commenti ironici anche se pertinenti non possono sottacere la gravità del caso. Si dice che comunque il grillismo ed il sospetto in esso connaturato finiranno per consigliare a Bonafede un passo indietro. Ma questo comporterebbe la perdita del governo e dello stipendio per soggetti ( non tutti n.b.), che non hanno mai lavorato e che anche decurtandosi parte degli stipendi, tuttavia guadagnano cifre che non avrebbero mai sperato. Penso che Bonafede resterà al suo posto. Purtroppo siamo in Italia.

stefano
stefano
7 Maggio 2020 20:00

…di maio sogna un governo,il prossimo tutto 5 stelle …questa volta però il comico lo vuole in prima fila…

Albert Nextein
Albert Nextein
7 Maggio 2020 17:48

Un governo raffazzonato.

Sal
Sal
7 Maggio 2020 17:33

A parte il fatto che Travaglio in tutta questa storia non c’entra niente (non si capisce perché citare un giornalista e non decine di altri che hanno detto su questa vicenda montagne di scemenze).
A parte il fatto che tutta la vicenda mi sa molto di ripicche e piccole vendette a distanza di due anni.
Resta il fatto gravissimo che un ministro abbia avuto responsabilità nella scarcerazione di detenuti per motivi gravissimi. Se queste responsabilità sono oggettive, la mozione di sfiducia al ministro da parte di Salvini non è del tutto immotivata.

Emanuele
7 Maggio 2020 17:29

Gli unici grillini rimasti duri e puri sono gli esclusi dalle stanze dei bottoni come Paragone e Di Battista. Gli altri sono stati schiacciati dalle proprie deficienze, primo fra tutte il pragmatismo, mandati al massacro politico da un Beppe Grillo incapace di cogliere la loro inadeguatezza.
Inoltre spingere un esercito disorganizzato a combattere una guerra contro truppe di veterani e in questo processo coinvolgere la nazione intera è oltremodo irresponsabile.