in

Cacciari contro tutti: “Vi denuncio, provocazioni di m…”

E Severgnini lancia il suo “anatema” contro il filosofo

Dimensioni testo

Massimo Cacciari, ospite mercoledì scorso del salotto televisivo di Lilli Gruber, ha presentato una interessante iniziativa di controinformazione che prenderà il via l’8 dicembre a Torino, denominata  “Commissione Dubbio e Precauzione”.

Non appena l’autorevole esponente di un dissenso abbastanza diffuso nel Paese ha spiegato che in tale occasione parleranno innumerevoli scienziati che in tutto o in parte non condividono l’imperante visione unica -definita dallo stesso Cacciari “o vaccino o morte-,  i due talebani sanitari presenti lo hanno tacciato di eresia. In particolare, Beppe Severgnini, spalleggiato da Alessandro De Angelis, scuoteva la testa in senso di disapprovazione preconcetta non appena l’ex sindaco di Venezia iniziava a parlare e, senza nemmeno ascoltare i nomi degli studiosi eterodossi che ha provato a menzionare Cacciari, ha stabilito che i veri scienziati li conosce solo lui, glia altro sono solo emeriti cialtroni che non sanno distinguere “una virus da un carburatore”. Inoltre, questo ennesimo campione del terrore virale, ha ribadito una analoga ammonizione, anch’essa riportata su queste pagine, già precedentemente espressa nei riguardi del microbiologo Andrea Crisanti, che così possiamo sintetizzare: è pericoloso esprimere troppi dubbi e pareri discordanti su questa materia in prima serata tv, perché poi la gente si spaventa e non si vaccina.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
179 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Nives Torresan
Nives Torresan
14 Dicembre 2021 22:59

Ovviamente, poiché non è allineato con il pensiero dominante, va demolito. Forza Cacciari!!!

bruno raiano
bruno raiano
11 Dicembre 2021 17:53

Accusare Cacciari di certe volgarita’ e’ il colmo. E’ l’unico uomo di sinistra che io rispetto nel modo piu’ assoluto.

gianfelice
gianfelice
10 Dicembre 2021 19:17

io non sono contro i vacini in genere, ma contro questo vacino, peché un “VACINO” che dura 4-6 mesi, e una medicina che dura questo tempo. dove non si conoscono gli effetti collaterali. Allora chi si vuole punturare lo faccia ,il loro corpo costruirá sempre meno anticorpi in futuro e dovrá sempre punturarsi poi per qualsiasi bischerata che uscirá in futuro. E il pass non servirá a niente, visto che chi si vacina viene contaggiato lo stesso.Discorso semplice e logico.

Trasimaco
Trasimaco
8 Dicembre 2021 6:51

Per coloro che, a differenza di Cacciari, credono nel liberalismo come metodo, questo articolo di Angelo Panebianco: https://www.corriere.it/editoriali/21_dicembre_06/10-cultura-editorialecorriere-web-sezioni-6f8b465c-56c8-11ec-a4e5-d793da90387e.shtml

Spartacs/ 3457961752
Spartacs/ 3457961752
8 Dicembre 2021 5:11

L ‘amico MASSIMO è esponente del Razionalismo/verità – tolleranza – dialettica democratica -liberta’ … sempre secondo Ragione..e anche Ippocrate fu un razionalista Pitagora Archita Voltaire Russeau Adorno rosa Luxembourg …candidiamolo a Presidente della Repubblica

Sabazio
Sabazio
8 Dicembre 2021 0:43

E pensare che ha iniziato a scrivere sul Giornale, un conformista, scribacchino di regime.
Uno dei tanti abbagli di Montanelli… che chissà, aveva da farsi perdonare tanto, per mettersi nelle mani di coloro che fiancheggiavano i suoi gambizzatori ….come quell’ex direttore di giornale che scriveva accerchiato da coloro che parteggiavano per gli assassini di suo padre…. Che si fa per la carriera.

Claudio Pietro Vescovi
Claudio Pietro Vescovi
7 Dicembre 2021 17:04

Caro Severgnini, come disse qualcuno: “E’ difficile fare capire le cose ad un giornalista, specialmente se la sua pappa deriva dal fatto di non capirle”.

Rosario
Rosario
7 Dicembre 2021 8:17

beppe severgnini,mi viene da piangere vedere questa gente nella loro vera luce e pensare che li ho votati per decenni pensando fossero “democratici”……….