Commenti all'articolo Cara Meloni, occhio ai sinistri che ti lusingano

Torna all'articolo
Avatar
guest
47 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
EMANUELE TAVERNITI
EMANUELE TAVERNITI
4 Agosto 2020 17:07

Attenzione a non confondere. Fratelli d’Italia ha una storia ben diversa rispetto alla Lega. FdI nasce dalle macerie dell’Alleanza Nazionale, è memoria storica del Movimento Sociale Italiano di Giorgio Almirante. FdI si rifà alla destra sociale, a principi, valori, idee che poco hanno a vedere con Salvini e amici. Poi, che anche la Meloni debba rifugiarsi in slogan e battaglie vicine ai leghisti, è un dato di fatto. Ma se ciò serve a sconfiggere la sinistra: ben venga. Non bisogna però dimenticare la memoria storica del nostro Partito, ma nemmeno rimanere rilegati al passato. Che sia di lezione agli avversari: possano quantomeno conoscere e rispettare i nostri valori e principi, pur rimanendo dei loro colori. Mi rivolgo soprattutto ai “nostri; conserviamo e ricordiamo la nostra storia: la storia di una Fiamma che ancora arde.

Sandro Cecconi
Sandro Cecconi
4 Agosto 2020 11:59

Rico,
nell’analisi di Pagnoncelli si evidenziava che la maggior parte dei consensi ottenuti è stata tra gli indecisi e di chi non andava più a votare, questo è il mio caso.

Per quanto riguarda poi i vari denigratori della sinistra e altri, li considero soltanto il nulla eterno, quelli che sotto i capelli il vuoto pneumatico.
In altri momenti e con persone intelligenti avrei avuto almeno il disprezzo, ma con questi “scappati da casa” non ci perdo neanche un secondo nel considerarli con disprezzo.

Sal
Sal
4 Agosto 2020 8:13

Una biografia memorabile! Non ho capito tuttavia che tipo di lavoro ha fatto nel corso degli anni o se ha percepito soltanto lo stipendio pagato dagli italiani. Ha mai lavorato?
Pubblicazioni? Convegni?

Guido Moriotto
Guido Moriotto
3 Agosto 2020 22:45

Georgia on my mind. La ragazzina che ha “seppellito” lo spilungone traditore. Nasce a Roma Nord, ma infanzia e adolescenza nel popolare quartiere Garbatella. Padre di origine cagliaritana, madre messinese. Quando ha dodici anni il padre lascia la famiglia. Diplomata con 60/60 al liceo linguistico, dal 2006 è giornalista. La passione politica è incontenibile: a 15 anni aderisce al Fronte della Gioventù (juventus al tempo dei romani), fonda il coordinamento “Gli Antenati” e partecipa alla contestazione contro la riforma della Istruzione del ministro Rosa Russo Iervolino (soprattutto il Russo le stava sullo stomaco), a 19 anni è responsabile nazionale di Azione Studentesca di AN, a 21 diventa consigliere provinciale a Roma. A 24 presidente nazionale di Azione Giovani. A 29 anni è eletta alla Camera per AN, la più giovane della legislatura. Dal 2008 al 2011 è ministro per la Gioventù del governo Berlusconi IV. Un vulcano. Anche due. Sul fascismo e antifascismo, settembre 2008: “Basta con questa storia del fascismo e dell’antifascismo. Siamo neti a ridosso degli anni ottanta e novanta, difendere o i valori sui quali si fonda la Costituzione e che sono propri anche di chi ha combattuto il fascismo”. L’unione dei giovani ebrei espresse soddisfazione per le sue parole. Come ministro della Gioventù fa approvare un pacchetto di misure per 300 milioni per giovani neo imprenditori,… Leggi il resto »