Conte getta la spugna? - Seconda parte

Se i Servizi tra brogliacci e informative, che ‘Giuseppi’ tanto ha cominciato ad amare, lo fanno star sveglio fino a tarda notte, l’Economia è diventata un vero e proprio dramma. Si è esposto personalmente per la cancellazione delle commissioni sui pagamenti elettronici con le banche, che invece lo hanno costretto a sborsare fondi pubblici aumentando, anziché tagliare, i loro guadagni. Si è messo contro i manager delle aziende, a cui voleva tassare le auto, e i proprietari di case per l’aumento delle aliquote, con l’unificazione di Imu e Tasi. Non c’è un lavoratore, dipendente o autonomo, imprenditore o pensionato che si senta rappresentato nella legge di bilancio. Non c’è azienda o settore che non risulti vessato dalla mannaia fiscale. E neppure un collega avvocato, penalista o civilista, che apprezzi il suo tintinnio di manette.

Nelle poche ore di sonno, gli incubi sono ricorrenti e il pensiero di Conte va a Italo Calvino. Chi dell’allegorica trilogia “I nostri antenati” si sente ora di essere? Il Visconte dimezzato, il Barone rampante o il Cavaliere inesistente? O forse tutti e tre insieme, giacché il Premier, si sa, non è mai stato un personaggio monodimensionale. Forse se si ferma un po’, per tornare dai suoi studenti o per qualche conferenza in giro per il mondo, fa un favore a se stesso e agli italiani. Chissà che proprio Mattarella non glielo chieda presto. Al Quirinale hanno ben chiaro quando chiamare il rien ne va plus.

Luigi Bisignani, Il Tempo 3 novembre 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

8 Commenti

Scrivi un commento
  1. (Sal un giorno fa
    L’Italia lavora per la Francia e per la Germania…………..
    Si può parlare con uno che dice queste “cose”?)
    Quando vuoi ci sono Sal. Dimmi cosa vuoi sapere.

  2. Ma di persone intelligenti non ce ne sono piu? Da quando hanno buttato lo stampo?? Volete aprire gli occhi ?? Finche’ non stamperemo la nostra moneta e avremo le nostre leggi, non imposte da chi vuole olio, pomodori, arance, e altre merdate europee di cibo sulle nostre tavole ,non ne usciremo -. Ma DICO SAPETE LEGGERE E CAPIRE ??? frequentate un po’ BYO BLU , CLaudio Messora, Alfonso luigi Marra, Diego fusaro , Gigetto Chiesa e 1000 altri , e dopo se avete ancora le convinzioni sull’EUROPA andate a curarvi da uno Bravo.

  3. Raro trovare un bischero presuntuoso meschino e arrogante come Conti Infatuato di se stesso si è montato la testa scambiando il bene personale con il bene dell’Italia perpetrando una meschina figura di palta.

  4. Conte non ha nessuna intenzione di gettare la spugna. Proprio nessuna: sa benissimo che la sua carriera politica sarebbe finita. Perché mai dovrebbe dimettersi? Nella speranza che qualcuno lo ricandidi (anzi: lo candidi per la prima volta)?
    Che Conte faccia le valigie è una speranza dell’autore dell’articolo, non certo una prospettiva realistica. E che il Capo dello Stato vada a chiedergli di ritirarsi è fantascienza allo stato puro.

2 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *