in

Decreto fiscale, ecco cosa prevede

Oltre 10 miliardi di euro in misure straordinarie per casse integrazioni e altre indennità compensative una tantum, zero miliardi di euro in misure straordinarie per abbattimenti del cuneo fiscale per chi continua a pagare stipendi.

Sono questi due dati, messi uno in relazione all’altro, i primi che saltano all’occhio scorrendo la Relazione Tecnica del finalmente pubblicato DL 17.3.2020 n. 18 (c.d. “Decreto Cura Italia”).

Una scelta a senso unico che forse poteva trovare un miglior bilanciamento tra un’ovvia predilezione per le misure di tipo assistenziale con riguardo ai soggetti economici operanti nei settori economici “chiusi” per decreto o di fatto e una diversa forma di aiuto a favore degli altri, anche per evitare il concreto rischio che, in assenza di alternative di aiuto da parte dello Stato, il decreto si trasformi in una leva di accelerazione a gettare la spugna e sospendere ogni attività, piuttosto che provare a tenere duro i prossimi due mesi (a meno che, naturalmente, l’obiettivo sia proprio quello, ma non vogliamo crederlo).

I 25 miliardi aggiuntivi di titoli di Stato di cui il decreto autorizza l’emissione andranno a finanziare interventi sul 2020 che impattano sull’indebitamento a fronte di misure di potenziamento del Servizio sanitario Nazionale per circa 3,2 miliardi; di misure di sostegno al lavoro per 10,3 miliardi; per misure di sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario per circa 5,1 miliardi; per misure fiscali a sostegno della liquidità delle famiglie e delle imprese per circa 2,3 miliardi; per altre misure, tra cui i tanto discussi 500 milioni per Alitalia, per la parte restante.

I 2,3 miliardi di misure fiscali sono riconducibili essenzialmente a tre interventi: il blocco della riscossione dei ruoli (982 mln); il bonus di 100 euro per i dipendenti con redditi fino a 40.000 euro che a marzo vanno regolarmente al lavoro (880 mln); il credito di imposta pari al 60% dell’affitto di marzo di negozi e botteghe per gli esercenti “chiusi” per decreto (356 mln).

Nessun costo per lo Stato in termini di indebitamento hanno invece le sospensioni di taluni versamenti di tributi e contributi in scadenza a marzo e aprile, disposte per i “piccoli” e per le attività economiche delle filiere economiche “più esposte”, in considerazione della brevità della sospensione (tutti gli importi sospesi devono infatti essere versati entro l’anno, a partire già dal mese di maggio).

La relazione tecnica stima complessivamente in 5,3 miliardi i versamenti in scadenza a marzo e aprile che gli appartenenti alle filiere economiche “più esposte” potranno rinviare a decorrere da maggio; 3,9 miliardi invece quelli in scadenza a marzo che potranno rinviare i “piccoli” (ossia quelli con ricavi o compensi fino a 2 milioni di euro) operanti in settori economici diversi dai precedenti.

Dei 10,3 miliardi di misure a sostegno del lavoro, circa 7 sono relativi a misure fruibili solo da lavoratori dipendenti e circa 3 anche da lavoratori autonomi, con una significativa emarginazione delle centinaia di migliaia di liberi professionisti iscritti agli ordini professionali con proprie casse previdenziali, posto che per questi ultimi viene consentito soltanto, in concorrenza però con tutti gli altri lavoratori dipendenti e autonomi, di provare ad accedere al c.d. “reddito di ultima istanza” per il quale il decreto stanzia 300 milioni.

Per altro, se è vero che per gli autonomi che possono beneficiarne l’importo di 600 euro nella forma non è più previsto una tantum, ma con riguardo al mese di marzo, la sostanza cambia poco perché il decreto prevede esclusivamente questa mensilità; mentre, per capirsi, con riguardo ai magistrati onorari in servizio, essendo altri gli importi totali in ballo, l’art. 119 del Decreto si preoccupa già di prevedere che l’importo sia dovuto per tre mesi e non per uno soltanto.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo