in

Gozzini insulta la Meloni: è il naufragio degli intellò

Dimensioni testo

Gli insulti del professore dell’Università di Siena Giovanni Gozzini a Giorgia Meloni non possono essere derubricati a una singola cattiva uscita ma rappresentano qualcosa di più profondo, sono l’emblema del fallimento della figura dell’intellettuale di sinistra. Il video in cui insieme ai suoi “colleghi” si lascia andare a insulti di basso livello nei confronti di una donna, ancor prima che di un leader politico, testimonia tutta la presunta superiorità intellettuale di cui questi signori pensano di essere detentori.

Intellettuali (anti)democratici

Le sue parole sono l’emblema di ciò che è diventata una certa intellighenzia che accusa di ignoranza chiunque abbia un’idea politica e culturale diversa dalla propria, salvo poi dare essa stessa dimostrazione di vera ignoranza con offese e insulti che sono l’antitesi di qualsivoglia preparazione culturale. Il problema è che le università italiane pullulano di figure del genere che, magari non pubblicamente ma nei loro salotti, si sentono detentori della verità e giudicano in modo sprezzante chi non la pensa come loro. Si credono uomini di cultura ma sono persone molto spesso limitate, incapaci di accettare il dibattito, il confronto e di riconoscere l’esistenza di un’altra tradizione politico-culturale come quella di destra di cui non conoscono nulla, non studiano né leggono libri e autori di riferimento nella loro limitatezza che li porta ad insultare coloro che non considerano avversari di pensiero ma nemici.

La condanna di Mattarella

Le parole di Gozzini non si possono mettere sullo stesso piano degli insulti che purtroppo quotidianamente affollano il mondo del web da parte dei cosiddetti “haters” perché pronunciati da una persona che ricopre un ruolo di rilievo in un’università pubblica. A parte il fatto che è lecito domandarsi cosa possa insegnare ai propri studenti un professore che si lascia andare a esternazioni del genere, è però necessaria una riflessione più profonda per capire il modo in cui simili persone siano arrivate a ricoprire incarichi così importanti. Come fa giustamente notare il critico d’arte Angelo Crespi “disattenzione nostra e sudditanza, hanno generato mostri, cantori della menzogna, ominicchi che però hanno potere. […] le loro biografie sono incredibili, hanno avuto posti e prebende assolute, ai vertici della cultura italiana, spesso perfino quando governava il centrodestra”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
132 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Green pass, la ministra vuole i prof-bigliettai - Marco Gervasoni
12 Settembre 2021 17:05

[…] perché invitava gli atenei a “prendere provvedimenti” contro docenti, per lo più di destra (salvo Gozzini) coinvolti in bufere mediatiche. Si è però ben guardata dall’esprimersi sul caso Montanari, […]

trackback
Perché i prof “appendono” la Meloni - Marco Gervasoni
4 Giugno 2021 8:48

[…] c’è l’appartenenza a sinistra ma soprattutto l’odio per la “destra”. In tal senso Gozzini e Levis Sullam saranno rimasti sorpresi perché negli ambienti che frequentano, essenzialmente autoreferenziali, […]

Mario Valenti
Mario Valenti
12 Marzo 2021 19:00

Non bastano le disapprovazioni verbali, questi soggetti che pretendono il trionfo della loro profonda ignoranza democratica e culturale devono essere interdetti da qualsiasi incarico di insegnare ed in qualsiasi scuola. Non si può accettare che un tizio di così basso livello morale sia preposto a partecipare alle preparazione delle future generazioni, altrimenti dovremmo accettare le teorie di superiorità professate dai gerarchi nazisti che non tolleravano chi la pensava in maniera diversa da loro.

Mauro C.
Mauro C.
24 Febbraio 2021 14:22

Mala tempora per i Guzzini: male Domenico (se qualcuno morirà, pazienza), ancor peggio Giovanni (pesciaia-pescivendola, *****, scrofa). Premesso e ritenuto osceno ed inqualificabile il linguaggio di Giovanni G.(pur nell’ottica di un accaloramento passionale indecente), si ritiene indegno il suggerimento di Van Straten (peraltro anche traduttore), che appunto traspone e traduce l’epiteto offensivo pesciaia in peracottara; insufficiente anche il contributo di Palumbo che alterna deboli cenni di distinguo con sorrisini compiacenti. Sarà forse il caso di rivangare il più ELEGANTE epiteto di “ZOCCOLETTA” rivolto dal CAVALIERE alla stessa destinataria?

gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
24 Febbraio 2021 14:16

Incredibile come tanti (non tutti) dei professori di una certa sponda ideologica, peccano di “HUBRIS” (hybris), pensando che solo loro possiedano la “CULTURA”, assente ad “altre” persone meno erudite. Lo stesso atteggiamento si trova anche nelle università USA negli ultimi anni.
Per fortuna, frequentai (inizio 1964 fine1967) una università Sud Africana, dove il Rettore, sposava l’idea che un docente non si trova lì per fare vedere quanto lui sa, ma quanto lui è in grado ad impartire agli studenti il necessario per il loro futuro impegno nel mondo reale.
(Mi scuso se il mio Italiano non è perfetto, perché la mia educazione è stata eseguita nella lingua Inglese)

Mario
Mario
23 Febbraio 2021 9:48

Scusi ORIANASANTASUBITO
Si legga o vada a rivedere il significato di OFFENDERE.
“voi geni” – “VERGOGNATEVI” – VERGOGNATEVI TUTTI – “cambi pusher”
solo perchè non condividiamo le vostre opinioni
Meno male altrimenti questo blog sarebbe un fallimento totale per pochi intimi.
Cito Porro: “seguiteci su nicolaporro.it-instagram-youtube-twitter ecc.. dobbiamo essere di più”.
Ciò che non impareremo mai nè dal lei e neanche dalla Meloni.

Pasquale Esposito
Pasquale Esposito
22 Febbraio 2021 21:27

Io penso che ci fosse la possibilità, l’onorevole Meloni li distruggerebbe in un dibattito, ma forse neanche si presenterebbero.

ORIANASANTASUBITO
ORIANASANTASUBITO
22 Febbraio 2021 20:04

Una domanda semplice semplice, da casalinga di Voghera.
Ma se un cittadino non dico insulta, ma magari manda solo con un gesto a quel paese un rappresentante delle istituzioni (tipo un vigile) è perseguibile, perchè 2 teste di xxxxx possono permettersi di ingiuriare pubblicamente un onorevole e se la cavano con un buffetto sulla guancia ?? Qualcuno dei saputelli che intervengono giustificando, e magari approvando lo scempio, saprebbe spiegarmelo?