Commenti all'articolo Il sessismo va bene se è contro la Lady di ferro

Torna all'articolo
Avatar
guest
34 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Valter Valter
Valter Valter
30 Novembre 2020 16:37

Riguardo alle femministe “de noantri” non posso che condividere quanto afferma Massimiliano Parente nella sua lettera a Dagospia con riferimento alla polemica con Mattia Feltri, innescata da Boldrini per la mancata pubblicazione della propria lettera da parte del direttore dell’Huffington Post. Sostiene giustamente Parente che questo femminismo declinato secondo vestali come Boldrini e Murgia é divenuto “l’alibi di difesa della mediocrità” e che “i circoli che contano in ambito culturale sono popolati da donne che devono la propria visibilità e i propri introiti unicamente alla causa femminista (la loro), con libri mediocrissimi (i loro)”. Libri come quelli di Murgia, Valerio o Lipperini, dice sempre Massimiliano Parente, non possono sostenere il confronto con altre scrittrici italiane che “hanno prodotto qualcosa di significativo nella vita oltre alle lagne, alcune hanno anche preso il Nobel mentre la Valerio e Murgia discutevano di patria e matria e cazzate varie”.

rosario nicoletti
rosario nicoletti
30 Novembre 2020 11:50

E’ proprio così. Non si riconoscono i meriti alla Thatcher, non appartenendo alla sinistra. Ricordo perfettamente i commenti di una amica britannica (di sinistra), impiantata in Italia, all”epoca non benevoli. E come si sa, i sinistri non perdonano: o sei dei loro, o non hai scampo.

Veronica
Veronica
29 Novembre 2020 23:19

Questo articolo è illeggibile. Concordanze soggetto/verbo sbagliate, punteggiatura casuale, incisi forzati, passati remoti desueti… Manca perfino lo spazio dopo i puntini. Fa male agli occhi.

Davide V8
Davide V8
29 Novembre 2020 23:07

>”E la stessa Cool Britannia di Tony Blair, e la Londra vitale e dai mille colori che negli anni Novanta imparammo tutti a conoscere ed amare, in tanto potettero esistere, in quanto, per comune ammissione degli storici, avevano ereditato tutto il lavoro “sporco”, cioè l’opera di risanamento, fatto in precedenza da questa grande statista.” – Vero, ma bisogna fare una precisazione. Blair diventa primo ministro nel ’97, quindi parliamo di fine anni ’90 (non scordiamo 7 anni di John Major). . Ma soprattutto, è davvero fondamentale il “lavoro sporco” della Thatcher che, al pari di Reagan, sistemarono veramente i paesi da un punto di vista economico, e li lasciarono senza particolari disastri pronti ad esplodere. Blair, al contrario (ed al pari di Clinton), ereditò una situazione “sana” e *sprecò tutto*: distrussero la *sobrietà monetaria* (*principale* risultato di Thatcher e Reagan) e ricominciarono a pompare come se non ci fosse un domani. Risultato? -sistema finanziario “gonfiato”, per nulla sano: nella Londra degli ultimi 20/25 anni c’è *moltissimo* di questo. E’ un fenomeno *negativo*, è sintomo della corruzione economica, del furto redistributivo (regressivo) della moneta. E’ un parassita che prospera drenando risorse. -Blair lasciò, infatti, un paese “drogato” sull’orlo della distruzione economica, proprio per aver abusato di questi strumenti. – Che Blair e Clinton abbiano “fatto bene” economicamente, e che abbiano “mantenuto”… Leggi il resto »