Commenti all'articolo La falsa alternativa green pass-obbligo vaccinale

Torna all'articolo
guest
56 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giancarlo 1939
Giancarlo 1939
20 Settembre 2021 14:57

Le belle frasi che non vogliono dire niente.

La libertà di ciascuno finisce dove comincia quella degli altri.

E chi mi dice dov`è che comincia quella degli altri?

E dove finisce la mia?

Sempre e solo gli altri?

E io chi sono?

Figlio di nessuno?

luca
luca
20 Settembre 2021 8:07

Sbagliato. Che esista una legge non significa che sia giusta o che sia giusto obbedire, anzi piegarsi. Sono state leggi l’appartheid, il suffragio non universale, il delitto d’onore etc. Le leggi ingiuste vanno cambiate e lo stato che le impone, con la forza rovesciato

Cristina L.
Cristina L.
19 Settembre 2021 17:13

Il suo articolo parte da una base completamente errata.
Thomas Jefferson sosteneva che se una legge è ingiusta un uomo non solo ha il diritto di disobbedire, ma è suo dovere farlo.
Perché avete tutti cosi timore di dirlo?

Davide V8
Davide V8
19 Settembre 2021 15:10

Caro Ocone, le faccio anch’io un riassunto, più moderato e forse più “digeribile” di quello di Albert Nextein, corretto e condivisibile ma che per i “normies” è troppo difficile perchè le dice direttamente le conclusioni.

1) La democrazia, intesa solo come “eleggiamo chi comanda”, è una forma di governo totalmente aberrante, ed il mondo anche oggi è pieno di esempi che dimostrano chiaramente come non sia altro che una delle varie forme di tirannide, di sopruso.

2) A noi (voi) interessa la democrazia *liberale*, cioè quella che garantisce il rispetto dei diritti individuali a tutti, in modo che non siano alla mercè di chi comanda.

wisteria
wisteria
19 Settembre 2021 14:27

Forse, unendo ke firse, potremmo almeno chiedere i danni per la crisi economica che con la scusa del Covid, ci hanno inflitto?

Roberto Sissa
Roberto Sissa
19 Settembre 2021 12:53

Concordo con l’analisi della situazione. Oggi siamo vicini ad un pericoloso capolinea di un percorso iniziato purtroppo già da molto tempo, la costruzione di uno stato in cui i cittadini sono sempre colpevoli di tutto ciò che avviene e perciò devono essere repressi.
A questo proposito ho scritto nel 2013 un breve pamphlet, “Lo stato perfetto”, che letto oggi ha un sapore ancora più amaro. Per chi avesse la voglia di perdere mezz’ora lo consiglio, si può leggerlo e scaricarlo dalla rete all’indirizzo: accademia.edu/4358561/Edizioni_Grafo_Lo_Stato_Perfetto
Buona lettura, e per chi vuole inviare un commento: [email protected]