in

Le 2 peggiori misure anti Covid

Dimensioni testo

Come ampiamente previsto, Mario Draghi non ha opposto molta resistenza al partito del terrore, decretando ulteriori restrizioni in vista della Pasqua. Evidentemente, al pari di tanti esponenti di centrodestra al governo, anch’egli sembrerebbe terrorizzato dal rischio di passare per alleato di un virus che non uccide il 99,75% di chi lo incontra, ma che gran parte della nostra informazione continua a rappresentare più mortale dell’Ebola.

Politica abdica al Cts

Ed è proprio per evitare un simile rischio che, a mio avviso, la politica italiana nel suo complesso ha abdicato da oltre un anno al proprio ruolo,  consentendo ad una sorta di improvvisato comitato di salute pubblica, formato da politici falliti e scienziati semisconosciuti, col supporto incessante del giornale unico del virus, di instaurare una vera e propria dittatura sanitaria.

Ora, evitando di elencare l’ultimo, umiliante listino di proibizioni con cui allietare le prossime festività, vorrei esprimere una breve riflessione su due di tali misure che mi paiono sin dall’inizio di questa triste vicenda particolarmente insensate e lesive della nostra dignità di esseri umani: il confinamento in casa e l’obbligo di utilizzare le mascherine all’aperto anche in totale solitudine. Due odiose imposizioni le quali, vorrei ricordare, in nessun Paese civile sono state adottate così come è avvenuto in Italia.

Italiani trattati sempre più da sudditi

Eppure, analogamente al resto delle restrizioni,  tutto ciò ha incontrato nella popolazione una disarmante passività, soprattutto a causa dell’ingiustificato clima di terrore che sembra aver sovrastato ogni cosa. In sostanza, i cittadini comuni, usi generalmente a leggere solo i titoli dei giornali e ad ascoltare solo quelli dei notiziari,  sono stati indotti a credere, proprio dalle due demenziali misure, che il virus circolasse liberamente all’aperto, pronto a stroncare la vita di chiunque non indossasse la mascherina di ordinanza.  

In questo senso speravo che con l’arrivo nella stanza dei bottoni di un grand’uomo dotato di spiccata razionalità si mettesse fine all’obbrobrio di un popolo costretto, di quando in quando, agli arresti domiciliari e a girare mascherati in ogni angolo della Penisola 24 ore su 24. Tanto più, come dimostra l’esperienza di tanti altri Paesi che non hanno mai conosciuto queste due odiose misure, non esiste alcuna evidenza scientifica che ne avvalori il fondamento sul piano del contrasto alla pandemia in atto.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
102 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco
Francesco
16 Marzo 2021 18:20

Esiste la disubbidienza. Se tutti se ne fregassero e si rifiutassero di sottostare a questa dittatura, il castello di carte crollerebbe. Mai ho indossato quello straccio in faccia all’aria aperta e mai accetterò gli arresti domiciliari.

Adriano
Adriano
15 Marzo 2021 7:38

W Conte e i 5 stelle , e non ti elenco i perché dato che li conosci! Straccetti!

nicolò romeo
nicolò romeo
14 Marzo 2021 19:10

Ormai il lockdown è diventato un metodo di governo. Impaurire la gente con una martellante campagna di stampa di regime e sbandierare come ineludibili misure lesive della libertà. Il tutto per poter governare senza uno straccio di opposizione (a parte la Meloni, ma in parlamento conta poco). Vedrete che intorno a metà- fine aprile, quando il virus con l’aumento delle temperature naturalmente perderà gran parte della sua forza infettante, ci diranno invece che ciò è successo per effetto delle chiusure prepasquali e pasquali.

Andrea
Andrea
14 Marzo 2021 19:07

Speravo che con Salvini al governo sarebbero cambiate queste scemenze che durano inutilmente da un anno.
Evidentemente c’è qualcosa di più grande che decide che le cose devono andare ancora così, una sorta di prova generale per abituare il popolo ad una dittatura oramai smascherata.

Giada
Giada
14 Marzo 2021 16:46

Ma lunedi tornuamo aramcioni? In sardegna?

marco
marco
14 Marzo 2021 16:33

Sottoscrivo al 100%. finalmente la verità.
Galera per chi ha imposto le chiusure e risarcimento a chi le ha subite.
Il popolo che non si ribella è deludente, però è ancora più deludente il fatto che non ci sia una forza politica disposta a appoggiare chi ritiene sbagliata la demenziale e fallimentare politica delle chiusure e ad opporvisi con coerenza. Tutti terrorizzati dall’idea di apparire alleati del virus? Me ne ricorderò alle elezioni, spero in un’astensione record.

Antonio Fabris
Antonio Fabris
14 Marzo 2021 15:19

È una analisi perfetta di quello che sta succedendo, è quello.che tutte le persone di buon senso dicono,dovrebbero pubblicarlo tutti i giornali e diffonderlo .

Angelo
Angelo
14 Marzo 2021 15:09

Salve! Condivido! Il vero problema è rendere le strutture sanitarie in grado di reggere l impatto della pandemia e organizzare al meglio le vaccinazioni. In pratica avere un piano pandemic e un piano vaccinale degni di questo nome. Avere un CTS formato da persone che non sono né virologi né biologi e come portare a ripare l auto dal falegname con la consulenza della idraulico.