Commenti all'articolo L’ultima del politicamente corretto: niente attori bianchi!

Torna all'articolo
Avatar
guest
65 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
fabio
fabio
1 Febbraio 2020 17:28

Certo che dopo aver visto tanti vecchi film western con attori bianchi pittati per sembrare indiani adesso dovrò vedermi un Buffalo Bill o Abramo Lincoln nero ma pittato di bianco?

Angy
Angy
1 Febbraio 2020 11:41

Purtroppo di questa tendenza ce ne siamo accorti da un bel po’. Ed è storicamente sbagliata. I film ad ambientazione in epoche passate, ormai, devono avere almeno alcuni personaggi di colore, quand’anche non di altre etnie, in modo storicamente non corretto. AGGIUNGO che nelle serie TV oggi il maschio bianco eterosessuale è quasi sempre il cattivo, o esprime valori negativi, il nero è sempre buono, anzi, spesso è l’eroe della storia, meglio se gay. La donna è spesso sola, o lesbica o con problemi di coppia. L’infarcitura LGBT è sempre ben accetta mentre la famiglia “tradizionale” non viene più rappresentata se non in modo disfunzionale. È uno schema fisso, io ho già tratto le mie conclusioni e voi?

Sal
Sal
1 Febbraio 2020 8:33

Anche nella riedizione del film “I fantastici 4” la torcia umana era interpretata da un nero.

Che orrore! Ma come si permettono questi politicamente corretti?

Voglio tutto bianco! Bianco! Bianco! Bianco!

Luca Beltrame
Luca Beltrame
31 Gennaio 2020 23:14

Devo correggere Varanelli su Ghost in the Shell, però. Lungi da me parlare di “whitewashing”, ma il film ha piallato quasi tutti i riferimenti al giappone presenti nel fumetto (manga; tutte le versioni animate e dal vivo originano da questo) originale. Non a caso la protagonista si chiama Motoko Kusanagi, che certo non è un nome americano.