Commenti all'articolo Ma su Silvia Aisha Romano, cosa c’è da festeggiare?

Torna all'articolo
Avatar
guest
85 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
paolop
paolop
17 Maggio 2020 20:17

Esempio di cattivo giornalismo
Esempio di discriminazione religiosa
Esempio del più bieco populismo
Esempio di mancanza di umanità
Esempio di faziosità

Non ho parole. Difficilmente mi stupisco, ma Nicola ultimamente lo sta facendo . Perchè Nicola dai spazio a simili personaggi.

orianasantasubito
orianasantasubito
17 Maggio 2020 14:35

Abbiamo ascoltato la ragazza ringraziare la numerosa comunita’ islamica italiana per le parole di “vicinanza”, che ha concluso con un sano “che Iddio vi protegga tutti”.
A qualcuno é capitato di sentirle dire un semplice grazie alle Istituzioni che la hanno salvata e a noi, Italiani tutti, che abbiamo pagato per questo ?
Una vergogna ¨
E poi il pomillianetto da 4 soldi che dichiara ufficialmente ” a me non risulta alcun riscatto” . Le cose sono due :
– o questo continua a credere di essere ancora ” a casa”, e dunque a comportarsi come faceva dalle sue parti…IO SONO IL PIU’ PARACULO
della zona, voi solo dei furbetti di basso livello
– oppure davvero ( ??? ma quando mai ), dopo i due anni di grosso lavoro fatto a suo dire dalla Farnesina, hanno deciso tutto in altri Ministeri… E non basterebbe questo a farlo dimettere ???
Ma questo diversamente capace ci prende proprio tutti per cogxxxoni ?

Luciano
Luciano
16 Maggio 2020 13:10

Proprio in pregio alla nostra cultura occidentale non ritengo né dignitoso né tanto meno etico accanirsi su una giovane, vittima di una vicenda tragica che avrebbe piegato chiunque, e che forse è caduta nella trappola di una Sindrome di Stoccolma. Non su Silvia ora Aisha va accentrata la nostra attenzione bensì su come è stata gestita mediaticamente il suo rientro in Patria. L’operazione ben condotta dai nostri Servizi doveva restare, come sempre accade in queste situazio-ni, discreta se non segreta. Così non è stato. Per bieco calcolo politico di protagonismo a tutti i costi l’Avvocato del popolo e la sua triste spalla grillina si sono in realtà macchiati di propaganda jihadista. Che dire di più?

Dik
Dik
16 Maggio 2020 11:21

Ci sono delle cose che non capisco di questa storia non tutto è chiaro e forse non lo sarà mai per questo motivo non mi espongo a commenti.Una cosa però è chiara, non si può offendere gratuitamente