in

Musk: “Trudeau come Hitler”. L’ironia che non piace ai liberal

L’istrionico imprenditore si schiera coi camionisti canadesi. E dimostra di amare la libertà

elon musk trudeau

Dimensioni testo

È vero, Elon Musk ha anche dei difetti. Eppure, è rimasto uno dei pochissimi a cui la destra americana di tendenza libertaria possa aggrapparsi e considerare in qualche modo una figura di riferimento. Se non altro, riesce perfettamente a farsi odiare da tutto quel mondo liberal-fighetto di cui fanno parte il 99% dei suoi colleghi nerd della Silicon Valley, e forse tanto basta.

L’ultima uscita delle sue l’ha partorita mercoledì notte, quando su Twitter, ha inserito un meme con la foto di Hitler che chiedeva di smetterla di essere paragonato al primo ministro canadese Justin Trudeau. Il riferimento, forse infelice (tanto da esser stato poi rimosso) ma in perfetto stile Musk, era ovviamente alle leggi molto restrittive in vigore in Canada relativamente ai vaccini e alle modalità piuttosto dure con cui il governo sta rispondendo all’ormai celebre protesta dei camionisti.

Se lo stile del cinguettio non è stato forse il massimo, motivo per cui è stato ferocemente attaccato, altrettanto non si può dire per il senso del messaggio nascosto dietro l’ironia. È innegabile, infatti, che il Canada abbia intrapreso in tema Covid una delle politiche più restrittive e liberticide al mondo, in compagnia di un altro paese, questa volta europeo: l’Italia, e che te lo dico a fa?

E allora mettiamoci un momento nei panni del CEO di Tesla. Parliamo di un imprenditore visionario con un pensiero politico non propriamente definito, ma con delle chiare tendenze libertarie, quasi anarchiche. Di un pioniere dello spazio intrigato dalla vita su Marte per poter essere finalmente libero dalle leggi e dalle costrizioni della politica. Di un nerd antisistema che da piccolo giocava a Dungeons & Dragons e che ora si diverte tantissimo con le criptovalute tanto invise ai governi. Ma se si vuole capire ancora meglio una figura che qui da noi non potrebbe mai esistere, per lo meno a quei livelli di celebrità, bisogna tener presente che Musk non è solo un teorico della libertà, ma ha anche il fegato di agire controcorrente, in base ai suoi principi. Un esempio? Ha recentemente spostato alcune delle sue attività dallo stato più liberal d’America, la California, a quello più conservatore, il Texas.