in

Noi siamo gli ultimi

Dimensioni testo

Riportiamo di seguito, e ringraziamo il nostro collaboratore Franco Battaglia, le parole del poeta Giampiero Mirabassi che non richiedono alcun commento. 

 

Nó sémo j ultimi

che gimme a scòla a piedi

coi calzoni corti

la cartella de fibra col guadèrno

e l grembiul nero col colletto e l fiocco.

Che c’émme sopra l banco l calamaro

e ntla saccoccia l pane nostro sciapo.

 

Nó sémo j ultimi

che giocamme a tappini e figurine

mmezzo a le strade senz’avé paura

e gimme giù ple scese a capoficco

sul carrozzon có i cuscinetti usati.

 

Nó sémo j ultimi

ch’ém visto le botteghe

có i boconotti sfusi nti cassetti,

la saponina, la carta moschicida,

l òjo che se comprava a butijne

e l sale fraido drént’a la buca scura.

 

Nó sémo j ultimi

col sacchettin de la canfora

sott’a la camigina

e l santin per giunta, contro le fantignole.

Che ce lavamme i ricci có l’aceto

e li lustramme có la brillantina.

 

Nó sémo j ultimi

che facémme festa pé na pigna,

na merangola, na melagrana.

Ch’ém visto l rosso vero del cocomero,

grande, verdenero, che scricchiava a tajallo.

 

Nó sémo j ultimi

che facémme i bómbli col sapone

per colorà quele stradette buie

del centro, che nn évon visto mai farfalle.

Ch’ém visto l car chi bovi a l’Alberata

nì su per recà l mosto tai padroni