Il premier cerca di mettere insieme Pd, grillini di sinistra e l’appoggio di Bergoglio

Preti e grillini, Conte tenta l’ultimo bluff

Il piatto piange e il Quirinale, innervosito, non può licenziare ancora il pasticciato Decreto Rilancio. E Giuseppe Conte continua a confidare sulla sua intoccabilità, millantando l’appoggio non solo di Mattarella, ma anche di Bergoglio. Il Premier ‘multitasking’ gioca ora su due tavoli, rimescolando le carte della partita pro domo sua: sul primo, minaccia un partito personale pseudo-cattolico; sul secondo, azzarda il suo gradimento col Pd che, crede lui, lo incoronerebbe candidato premier, consentendogli di portarsi dietro una pattuglia dei grillini più sinistroidi.

Si ritiene un giocatore di poker professionista, ma in realtà è solo Giuseppi. Ormai anche i suoi due principali alleati, il Movimento 5 Stelle ed il Partito Democratico, lo vedono solo come un ostacolo per la ripresa del Paese alla fame. Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che si pente di averlo sinora supportato, teme, come ha detto, che “la rabbia sociale può esplodere e se la protesta deflagra rischiamo di non controllarla più”. Cosi, i big del partito, da Franceschini a Zanda, ormai considerano Conte e il ministro dell’Economia Gualtieri totalmente inadeguati.

Ma lo tsunami più rovinoso rischia di venire proprio dal Movimento 5 Stelle, dove due astri lucenti stanno perdendo smalto: Beppe Grillo si rende conto che i suoi seguaci lo considerano un vigliacco per essere sparito dalla scena e non aver saputo tenere unito il Movimento dopo aver aperto al Pd. Pare che ormai passi ore solo con Stefano Benni alla ricerca di un nuovo canovaccio per tornare, quando mai sarà, a riempire i teatri e fare incassi che, da buon genovese, gli mancano come l’aria. E Davide Casaleggio, abbandonato non più tanto e solo da quei circoli di iniziati inglesi che lo hanno spinto e protetto e dalle aziende che hanno investito nei suoi prodotti, ma soprattutto dai parlamentari che ha spremuto e che oggi non credono più nella sua piattaforma Rousseau. Sono gli stessi che hanno rimandato al mittente la folle idea di svolgere via web la prossima assemblea che dovrà scegliere la nuova guida del Movimento 5 Stelle, dopo la disastrosa gestione di Vito Crimi, il cui posto avrebbe voluto prendere proprio Casaleggio Junior.

In mezzo a questi personaggi che stanno perdendo colpi, Conte cerca la sua manche vincente, da un lato accreditandosi in Vaticano come il leader di un nuovo partito che andrà a braccetto con l’associativismo cattolico e, dall’altro, immaginando di mettersi a capo di una fronda grillina che potrebbe annettersi al Pd, con buona pace del progetto originario del Movimento 5 Stelle. Un progetto esposto riservatamente, nelle ultime ore, al presidente della Camera, Roberto Fico, che conta sull’appoggio dei ministri D’Incà e Patuanelli, del sindaco di Napoli Luigi De Magistris e di due grilline a briglia sciolta come Paola Taverna e Barbara Lezzi, la quale ancora non si dà pace per essere stata rimossa dal governo.

In mezzo al guado, indeciso e sbandato, il solito Alessandro Di Battista, eterodiretto dalla società editoriale de Il Fatto che gli ha permesso di sbarcare il lunario, facendogli girare il mondo. Tra queste variopinte realtà grilline irrompe l’aplomb di Luigi Di Maio, ormai perfettamente inserito nella galassia del potere, avendo stretto rapporti consolidati non solo nella Pubblica Amministrazione, ma anche nelle grandi partecipate pubbliche, dall’Eni a Cdp, dalla Rai a Terna, e con collegamenti politici personali trasversali che vanno da Crosetto a Giorgetti, da Rosato allo stesso Zingaretti. Con lui, alcuni fedelissimi nei posti chiave, da Fraccaro a Spadafora, agli ammaccati Bonafede e Crimi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

8 Commenti

Scrivi un commento
  1. Buona sera Dott. Porro
    la seguo sempre sia nella ZUPPA che nella trasmissione del lunedì.
    Ho letto anche il Suo libro
    mi piace molto per la Sua schiettezza .
    speriamo che tutto vada bene.
    Ho molta paura di tutto quello che sta succedendo sia politicamente che soprattutto per la situazione sanitaria.
    C é troppa confusione non so più a chi dar retta.
    Grazie per i suoi aggiornamenti e per i suoi articoli.
    Buon proseguimento , cordiali saluti Liliana Rastelli

  2. @ orianasantasubito

    “L’Italia ha un’economia decisamente più piccola (vale la metà di quella tedesca con un debito proporzionalmente doppio) e ha stanziato finora per gli aiuti immediati poco più del 4% del PIL, vale a dire oltre settanta miliardi, tutti in deficit. Dentro ci sono gli aiuti per lavoratori, imprese e famiglie, il bonus per gli autonomi, i contributi a fondo perduto ai piccoli imprenditori e i soldi per la sanità. Se (come fa l’istituto Bruegel) aggiungiamo anche i miliardi impegnati per ricapitalizzare le imprese, arriviamo invece intorno al 7%, uno dei dati attualmente PIU’ ALTI in Europa. Siamo poi primi per il peso delle garanzie statali sui prestiti delle imprese: sfiorano un terzo del nostro Pil, nessuno in europa (almeno nelle intenzioni) si è spinto così avanti, anche se il dibattito sulla reale consistenza di questa leva è aperto.”

    Non è RADIOKABUL è SKY TG 24.
    Il governo avrà fatto tanti errori, però non si può dire (con i tuoi toni forsennati) che non abbia attivato aiuti.
    E guarda che io sono imbestialito con il governo sia per i ritardi della CIG che per quelli sulla sospensione del mutuo.
    Forse un pochino più di equilibrio non guasterebbe.

      • La devono finire di attaccare la lombardia sti 5 stal…..se ci avessero mandato mascherine e guanti non sarebbe morta tanta gente che operava negli ospedali e casa di cura per anziani. Vorrei dire che bergamaschi e bresciani hanno sotto i cocones perciò occhio a tirare troppo la corda.
        Grazi DR. Porro
        Cordiali saluti

    • Stanziato poco, promesso tanto. Ed alla fine non arriverà praticamente nulla. Se noi imprenditori gestissimo le nostre aziende come i nostri politici gestiscono il nostro paese, nessuno arriverebbe alla prima dichiarazione dei redditi…..

    • …anche un quarto, le imprese tedesche non scappano al estero ,le imprese straniere aprono in germania.La germania ha la grande industria.Quì rimane un cadavere quello dell’Ilva che allo stato attuale non vale nulla fatto salvo per le casse dello stato (leggesi contribuenti) ormai al lumicino.

  3. Anche se a Di Maio gli hanno piazzato l’istruttrice tutto fare a tempo pieno per sollazzarlo nei momenti di relax per “sgrossarlo”, sarebbe una iattura per l’Italia, non essendo sufficiente il periodo di sgrossamento per il poco tempo a disposizione e la voragine delle lacune del soggetto. Non è che gli altri siano migliori, tuttavia tra questi si trovano elementi capaci e culturalmente specifici nei settori ove oggi – praticamente tutti – esiste una carenza assoluta di capacità con l’aggravante dell’inettitudine e la pretesa buffonesca della millantata capacità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *