Quelle ragazze uccise in nome della Sharia di cui nessuno parla

Condividi questo articolo


La notizia più triste degli ultimi giorni arriva dall’Iran, per la precisione dalla piccola città di Haviq, capitale del distretto di Haviq, nella contea di Talesh, nella provincia di Gilan. Romina Ashrafi, una ragazzina di tredici anni, ha avuto la disastrosa idea di scappare di casa con l’uomo di cui si era innamorata, Bahman Khavari di 35 anni. Per la nostra mentalità la prima cosa che salta agli occhi è l’enorme differenza di età fra i due, ma bisogna considerare che a certe latitudini, e soprattutto in zone rurali come quella dove si è svolta la vicenda, enormi differenze di età nelle coppie è una normalità.

Dopo che il padre di lei, e di conseguenza tutta la famiglia, si era rifiutato di accettare la relazione, la ragazza era scappata di casa. Ancora non è chiaro se si è trattata di una fuga in solitaria o insieme all’uomo. Praticamente quella che un tempo nel sud Italia veniva chiamata “Fuitina”. I familiari della giovane, con la chiara intenzione di continuare a ostacolare questa relazione, hanno sporto denuncia e la ragazza, dopo essere stata convocata dalla polizia locale, è comparsa davanti a un giudice che ha deciso di rimandarla a casa e lo ha fatto nonostante le grida disperate della giovane che, considerando il temperamento violento del padre, ha fatto di tutto per spiegare il pericolo in cui si sarebbe trovata.

Il giudice, nell’obbligarla a tornare a casa dei genitori, l’ha condannata a morte e quasi sicuramente ha emesso la sua sentenza consapevole di quelle che sarebbero state poi le conseguenze perché giovedì scorso, mentre Romina dormiva sul suo letto, il padre, con l’intento di ristabilire l’onore della famiglia, l’ha sgozzata nel sonno. Romina Ashrafi, è giusto ripetere il suo nome, di tredici anni, è stata sgozzata nel sonno da un padre che ha barattato il suo “onore” con la vita della figlia. Il padre assassino si è poi consegnato alle autorità ben sapendo che, in base alla Sharia che in quel momento lo vedeva come “guardiano” della vittima, non sarà condannato a pene severe. Per cui non c’è alcuna speranza che la povera Romina possa avere giustizia.

Ciò che lascia basiti è che come genitore il nome del padre, cioè dell’assassino, appare in primo piano sul necrologio della povera ragazza. Un ulteriore sfregio alla memoria di chi, nonostante la sua giovane età, ha avuto la sola colpa di essersi innamorata di una persona non gradita al suo nucleo famigliare. L’errore, lasciatemelo dire, sarebbe considerare questo episodio lontano da noi, frutto di mentalità lontane dalla nostra. Perché se è vero che la nostra mentalità è lontana culturalmente da simili barbarie, negli ultimi anni, almeno geograficamente, è costretta a convivere con modi di pensare molto simili a quelli che hanno ucciso Romina Ashrafi.

Casi simili sono accaduti e accadono continuamente anche in Occidente. Per esempio sappiamo perfettamente dove ha avuto origine la moda di distruggere il volto, molte volte anche con la perdita della vista in uno o di entrambi gli occhi, lanciando acido in faccia alle ex fidanzate e, ultimamente, anche a ex fidanzati. Prova che questo tipo di violenza attecchisce facilmente senza distinzione di sesso. Ma peggio ancora, perché al peggio non c’è mai fine, il rito dello sgozzamento, come capretti al macello, è arrivato da noi in occidente, e cose che non si vedevano da decenni sono improvvisamente tornate in auge. Solo per fare qualche esempio è giusto ricordare il caso di Laura Paumier e Mauranne Harel sgozzate a Marsiglia davanti al piazzale della stazione ferroviaria Saint-Charles il primo ottobre 2017 da Ahmed Hanachi, un clandestino che anziché libero di muoversi e armato di coltello, visti i suoi precedenti avrebbe dovuto essere rinchiuso in un centro detentivo.

L’arte dello sgozzamento, purtroppo, è arrivato anche in Italia, e visto che ne parliamo è giusto ricordare Hina Saleem che l’11 agosto del 2006 fu scannata dal padre nel bresciano perché voleva vivere e vestire all’occidentale, con la madre che all’apertura del processo dichiarava alla stampa di capire e perdonare il marito per ciò che aveva fatto. Le aveva ammazzato una figlia e lei lo capiva e perdonava. È giusto anche ricordare Sana Cheema, cresciuta a Brescia, che all’età di venticinque anni è stata assassinata dal padre e dal fratello a Gujrat in Pakistan, sua città natale, perché voleva sposarsi con un ragazzo italiano.

Per consumare il delitto il padre e il fratello hanno atteso il momento giusto e lo hanno eseguito su terra islamica, dove la società era più disposta a capire le motivazioni del gesto. Il processo in Pakistan per questo spietato omicidio si è concluso con un nulla di fatto, mentre in Italia, dove la ragazza risiedeva, la magistratura avrebbe voluto mettere i due assassini alla sbarra ma, come riporta La Repubblica del 15 ottobre 2019, Mustafa Gulham, 50 anni, il padre di Sana e il trentaduenne Adnan, fratello della vittima, non sono più reperibili.

Siccome per legge il processo italiano non può partire se non c’è certezza della notifica agli indagati dell’avviso di conclusione indagini, tutto rimarrà probabilmente lettera morta. Per cui per Romina Ashrafi, Hina Sallem e Sana Cheema, uccise in posti lontani fra loro e in momenti diversi con un comune denominatore, cioè un coltello in gola guidato da mentalità malate, non ci sarà mai giustizia. Almeno quella degli uomini per ciò che riguarda l’Onnipotente possiamo solo aspettare con fede.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


9 Commenti

Scrivi un commento
  1. @ Raffaello Ferrentino

    A parte il fatto che lei mi attribuisce ruoli e professioni che non svolgo, la sua prosa ed il suo stile esprimono una miseria culturale e morale imbarazzanti.
    Asino!

    • Sig. Sal,
      Se mi avesse letto attentamente, si sarebbe accorto che ho usato la forma dubitativa “se…”. In effetti, per quanto la squola italiota sia caduta in basso, mi risulta difficile che possa annoverare un “personaggetto” che al massimo, sbagliando l’ uso di indicativo e congiuntivo, riesce a racimolare, nei suoi interventi, qualche riga stentata ma farcita da gratuite offese all’ indirizzo dell’ interlocutore. Anche in questo suo ultimo “gioiello” non ha mancato di farsi riconoscere: per un’ astuzia della Ragione, l’ ha addirittura firmato.
      Sono sicuro comunque che lei e’ un pubblico dipendente, invidioso e arrabbiato. Per parte mia sono sempre piu’ lieto di essermi liberato di voi

  2. Sig. Leo,
    a me piace contendere con chiunque, anche se capisco subito se la contesa e’ inutile e se l’ avversario non ha la capacita’ di contendere educatamente perche’ sfornito di argomenti.
    In precedenza mi aveva gratificato con gli appellativi deficiente e minorato culturale, ma senza rispondete a nessuno degli argomenti da me sollevati.
    Avra’ letto la risposta al mio ultimo post.
    Molto gustoso il neologismo “parolaccette”, vezzeggiativo di tutte le parolacce che SAL propina a destra e a manca, indistintamente a tutti coloro che sul forum lo contraddicono: non oso pensare alla misera sorte dei suoi poveri alunni. Guai a chi dissente! In fondo, per restare ai neologismi, sembra piu’ un “personaggetto” (cfr, Crozza-De Luca).
    E a me, che gli avevo fatto notare che un Professore non dovrebbe assolutamente usare il suo linguaggio, risponde che l’ ho offeso
    mortalmente perche’ gli ho detto che se e’ professore, puo’ esserlo solo della squola di Azzolina.
    E puntualmente, senza neanche accorgersene, mi da’ ragione: il suo intervento successivo e’ un pezzo degno del suo Ministro, un copia-incolla di quello da lei indirizzato a me.
    Un caro saluto

  3. Sig. Raffaello,
    lei sta cercando di comunicare con leo, una persona che é qui solo per divertirsi e cercare lo scontro. Una persona che ha un evidente stato di depressione e cerca qui uno scopo di vita. Non serve molto per vedere che la prima cosa che fa appena apre gli occhi la mattina é venire qui, del resto i suoi primi commenti della giornata risalgono costantemente verso le 6 / 7 del mattino, puó verificarlo controllando l’ora e detraendo le ore passate dal suo intervento, é chiaramente una persona che ha bisogno di aiuto. Se ne faccia una ragione, le consiglio di ignorarlo.

    PS Tra l’altro leo e Fabio Bertoncelli sono la stessa idiota persona.(è lui infatti a collegarsi tutte le mattine alle 6/7)

    Non si fidi!!

  4. Sig. Raffaello, sta cercando di comunicare con una persona che é qui solo per divertirsi e cercare lo scontro. Una persona che ha un evidente stato di depressione e cerca qui uno scopo di vita. Non serve molto per vedere che la prima cosa che fa appena apre gli occhi la mattina é venire qui, del resto i suoi primi commenti della giornata risalgono costantemente verso le 6 / 7 del mattino, puó verificarlo controllando l’ora e detraendo le ore passate dal suo intervento, é chiaramente una persona che ha bisogno di aiuto. Se ne faccia una ragione, le consiglio di ignorarlo.

  5. Sig. Sal,
    fin dall’ inizio della mia partecipazione al forum ho notato che i suoi contributi consistevano in due o tre righe di commenti velenosi o di irripetibili offese agli altri forumnauti, tanto che mi era difficile credere che lei fosse un Professore, persona cioe’ con la vocazione al dibattito e abituata alla civile convivenza. Poi, proprio con me, si e’ lamentato del fatto di essere aggredito verbalmente dagli altri, cui avrebbe risposto per le rime. Cosa che mi apparve comunque disdicevole, ma, se vera, in qualche modo giustificabile.
    Ora sono costretto a constatare che anche con me, che l’ ho sempre trattata con rispetto, al massimo utiliizzando nei suoi confronti una qualche blanda ironia, ha iniziato ad offendermi personalmente perche’ non sa rispondere alle mie argomentazioni. Io da ex Professore vecchia maniera, -si figuri che ai miei ragazzini davo del Lei, perche’ capissero fin da giovani, cosa sono il rispetto e la dignita’ della persona- non mi lascero’ trascinare da lei nel suo gioco al massacro, non mi abbassero’ al livello, come si soleva dire, del carrettiere, mestiere che peraltro non esiste piu’, anche se lei cerca con tutte le sue forze, di rinverdirne il linguaggio.
    Quindi e’ vero, lei e’ il tipico professore della squola italiota il cui capo naturale e’ Azzolina la “copiona”.
    La ringrazio per la copiosita’ dgli argomenti apportati al dibattito e per le affettuosita’ riservatemi. Con tutta la stima di cui sono capace nei suoi confronti, la saluto cordiamente.

    • “Quindi e’ vero, lei e’ il tipico professore della squola italiota il cui capo naturale e’ Azzolina la “copiona”.”

      Come volevasi dimostrare. La differenza tra me e lei è che lei è un ipocrita. Le sue offese sono molto più gravi di qualche mia parolaccetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *