in

Regime sanitario: multa a un disabile per un caffè

disabile multa caffè
disabile multa caffè

Dimensioni testo

La deriva del sanitariamente corretto non conosce limite e questa volta a farne le spese è pure un uomo con disabilità. Qualche mattina fa a Porto Recanati, Macerata, un 58enne in carrozzina affetto da distrofia muscolare si è permesso di bere un caffè all’interno di un bar anziché consumarlo all’esterno del locale come prevedono le norme anti-Covid.

Un atto talmente “incivile” da portare degli agenti in borghese a notificargli una multa di ben 400 euro. “Volevo solo scaldarmi, la sanzione è quasi quanto la mia pensione”, si è difeso l’uomo ma per il burocrate sanitariamente corretto non ci sono state ragioni.

Ci rendiamo conto a che livello siamo arrivati? Nemmeno la regola del buonsenso riescono ad applicare. Giovanni Valerio Ricci, questo il nome del multato, ha deciso di fare ricorso. E noi non possiamo che stare con lui!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
60 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
A.L.
A.L.
2 Febbraio 2021 20:39

“Agenti in borghese”. C’è bisogno di non farsi riconoscere, di confondersi fra la folla, di infiltrarsi come se fossimo terroristi, come se fossimo mafiosi? Per controllarci (anche se è un controllo in contrasto con i nostri diritti), non sarebbe meglio da parte di chi l’ha deciso ordinare agli agenti di indossare la divisa? Sono assolutamente d’accordo sul fatto che di appartenenti alle forze dell’ordine bravissimi anche umanamente e che cercano di aiutarci ce ne sono tanti. Ma stavolta NON è stato così. “Volevo solo scaldarmi”. Un malato che ha freddo. Non si tratta di essere buonisti, ma di essere buoni. Non si tratta di essere legalisti, ma di essere giusti. Si tratta di applicare sì le regole, ma quali? “Quelle del buon senso”, dice giustamente l’articolo. E anche quelle sui diritti umani, sui diritti del malato, e quelle della Costituzione: siamo proprio sicuri che siano state applicate (lungo tutto questo anno allucinante e fino a chissà quando)? Non sono superiori ai famigerati decreti o alle ordinanze locali? La risposta a queste domande é: certo che sono superiori; certo che sono state violate. Strano Paese quello in cui si impongono inutili simboli sulla faccia, ma non si impone il rispetto della Costituzione là dove afferma le libertà dei cittadini. “La sanzione è quasi quanto la mia pensione”. L’esosissima sanzione è 400… Leggi il resto »

Corsaro Nero
Corsaro Nero
1 Febbraio 2021 11:16

Siamo un paese fallito alla deriva……

Erman67
Erman67
1 Febbraio 2021 9:15

Nel frattempo è notizia di stamattina (ascostata su RTL 102.5, anche se l’accaduto di qualche giorno fa) che due carabinieri chiamati per un caso di furto di un paio barrette di cioccolato in un supermercato, invece di procedere con la denunica hanno deciso, impietositi dal caso umano, un nonno che non aveva i soldi per comprare le suddette barrette e che voleva portarle ai nipoti all’uscita da scuola, di andare alla cassa e pagare le barrette per il nonno.
E stiamo parlando di furto.
E qui si è intransigenti per un caffé all’interno del bar di una persona disabile.
Bah!

daniele
daniele
31 Gennaio 2021 16:37

Semplicemente putrido,roba da quarto mondo

Roberto
Roberto
31 Gennaio 2021 12:30

….e dalle Parti di Vicenza , 1 mese fa, c’erano circa 200 zingari ad un funerale: multe? Non ne ho sentito parlare. Non solo non hanno lasciato passare un mezzo della raccolta del latte.

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
31 Gennaio 2021 11:36

Invece sulle risorse che bighellonano senza mascherina ben oltre le 22 nelle piazze del Paese, nulla quaestio.

Gianluca
Gianluca
31 Gennaio 2021 11:00

Da approfondite indagini risulta che:
A) L’invalido era munito di carrozzella elettrica, non c’è da spingerla nè bisogno di un accompagnatore.
B) La carrozzella è stata lasciata fuori dal locale, l’invalido è entrato per bersi un caffè al caldo e farsi due chiacchiere col barista.
C) Purtroppo non si fa, lo dice la legge varata dal governo Conte, multa.
D) La multa la vuole pagare il gestore del locale che però adesso ne prenderà un’altra perchè non poteva servire clienti al tavolo.
Fine del comunicato.

stefano
stefano
31 Gennaio 2021 10:18

UNICO PAESE AL MONDO IN STATO DI EMERGENZA DA UN ANNO E TUTTI ZITTI.
DI COSA HANNO PAURA QUESTE PERSONE?
PERCHE NON INTERVIENE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IN MERITO?