Commenti all'articolo Un’idea per riformare la scuola

Torna all'articolo
Avatar
guest
33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Luciano
Luciano
18 Marzo 2021 21:06

bisogna mandare a lavorare dopo la licenza media il 85% almeno o anche il 90% dei studenti. inutile avere asini che rubano, e poi anche la maturita’ a 16 anni come dice alessandro (come in TUTTI i paesi del mondo tranne l’italia).
e al liceo deve andare solo il 10%, e di quel 10% deve far la maturità la metà della metà, e all’universita’ solo chi esce almeno col 90 su 100.
e all’universita’ obbligo di frequenza e abolire i fuoricorso, se vai male a un esame via fuori stop

Gianni
Gianni
25 Febbraio 2021 13:31

La scuuuuuola italiana non prepara come dovrebbe, dice Desiderio….. e si sente!
Ma tutti gli esseri umani che non passano l’esame di ammissione alla scuola che fine fanno? Vanno a lavorare nelle miniere?

Laval
Laval
25 Febbraio 2021 6:51

La scuola, l’apprendimento scolastico prevede una serie di passaggi dove in ogni passaggio abbiamo una chiave di apertura al prossimo passaggio educativo.
L’allievo deve acquisire in sapienza e nel momento in cui salta un passaggio cognitivo perde la possibilità di apprendere il passaggio successivo e il prodotto è una classe dirigente incapace.
In altre parole occorre che si adotti il sistema dove si va avanti solo se si è appreso il programma dell’anno scolastico.
Non tutti sono adatti per diventare dottore, chi non riesce o non ha voglia verrà aiutato, ma non si può seguire il principio del tutti avanti.
La società ha necessità di tutti nei vari settori economici, dal muratore, l’elettricista fino al laureato, poi è la vita che fa una cernita in base alle capacità individuali.
Per la società è deleterio e devastante trovarsi alla guida del paese personaggi che non sanno collegare le varie icone dei programmi scolastici acquisiti, i quali consentono di passare dalla sapienza alla saggezza nel compiere l’opera.
Immaginate un ministro che dichiara provvedimenti alla Libia quando il paese interessato è Libano.
In parole povere è più facile governare degli ignoranti che non delle persone preparate.

Werner
Werner
24 Febbraio 2021 15:22

Sono assolutamente d’accordo. Gli esami di licenza media e quelli di maturità non hanno alcun senso. A parte il fatto che spesso e volentieri aiutano i somari che non studiano per un anno intero, e che “freschi” si impegnano nella parte finale e vanno bene agli esami, magari scopiazzando da chi invece ha studiato. Poi nel periodo in cui era in vigore la Riforma Moratti era una vergogna, perché in quinto superiore nessuno veniva bocciato e agli esami di maturità vi accedeva chiunque. Un ulteriore oltraggio per la scuola italiana, di per sé oltraggiata dal Sessantotto. È giusto che uno studente prima di accedere ad una scuola superiore o ad una facoltà universitaria venga sottoposto a esami di ingresso, e aggiungo di idoneità. Così è possibile sapere se è adeguato a frequentare quel tipo di indirizzo o meno. Fermo restando comunque, che prima di fare l’inversione a U proposta da Desiderio, bisogna abbassare l’età dell’obbligo a 14 anni e limitare l’accesso alle università ai soli studenti che provengono dai licei. Avere una popolazione studentesca elevata e una scarsa qualità formativa è dannoso per il Sistema paese. Meglio l’esatto contrario. Forzare dei somari che a stento sanno leggere e scrivere a frequentare le superiori, è un danno per chi studia veramente e vuole avere una formazione. La licenza media gli basta,… Leggi il resto »