in

Uno studio dimostra: all’aperto solo un contagio su 1.000 - Seconda parte

Dimensioni testo

Tufekci cita a mo’ di esempio le spiagge che, dice, sono “probabilmente il posto più sicuro in cui si ci si può trovare in una pandemia” e che pure sono state additate come luoghi a rischio contagio. Da qui la domanda: ha senso sconsigliare (o impedire) alle persone di frequentare parchi, spiagge e altri ambienti all’aperto? Secondo la sociologa le autorità dovrebbero smetterla di ragionare in termini paternalistici. “Non stiamo parlando di bambini piccoli, ma di adulti” che andrebbero messi al corrente dei rischi affinché, osserva Tufekci, siano in grado di decidere da soli se una situazione può essere o meno di pericolo.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele Bettini
11 Aprile 2021 21:38

Intanto Un altro mito Covid che muore miseramente
“Il contatto con una superficie contaminata ha meno di 1 possibilità su 10.000 di causare un’infezione”
https://anti-empire.com/another-covid-myth-dies-the-death/
Ormai manca solo che dichiarino falsa la teoria del contagio , convalidando la teoria dei dott Lanka e dott Hamer dei virus come simbionti
e di questa immane bufala non rimarrà piu’ nulla

trackback
Uno studio dimostra: all’aperto solo un contagio su 1.000 - La Città News
8 Aprile 2021 22:26

[…] Fonte: nicolaporro […]

Maliao
Maliao
8 Aprile 2021 20:56

Grazie Cullá: Culsí non può che essere d’accordo! :)

Verissimo: quindi la metafora che ho usato sotto questo punto di vista non ha in effetti nessun senso.
Con così poche ore, meno male che si stava in classe!!

Ma volevo rievocare quella breve, inattesa sensazione di “fregola”, di felicità quando il maestro decideva di portarci a vedere le gemme sugli alberi o – addirittura UNA volta! – a giocare a bandiera in una giornata molto bella.
Sapevamo bene che era una concessione, un’eccezione assoluta (e concordo con il commento : meno msle che lo era e si stava ad imparare a scrivere e far di conto!) ma ce la godevamo quasi più che la (anche quella assurda!) lunghissima libertà estiva.

Ecco, adesso che siamo cresciuti, rivorrei la libertà totale, e non “alcune” attività aperte, solo fra un mese e si presume solo fino a quando farà caldo.

Contesto l’ottimismo (?) di chi lo scrive nell’articolo proponendocelo come un qualcosa di cui esser felici.

alessandro
alessandro
8 Aprile 2021 19:53

Le TANGENTI hanno finito il loro periodo, lo sapranno tutti quelli del CTS, Governi e Virologi vari………..:

Vaccino Sputnik, Ue: “Stati membri liberi di acquistarlo in autonomia”.

” Gli Stati membri sono liberi di acquistare in autonomia i vaccini che non fanno parte del portafoglio europeo.Gli Stati membri non possono contrattare autonomamente le case farmaceutiche con cui la Commissione ha concluso dei contratti, ma al di fuori di questi “possono esserci approcci autonomi alla questione”,

il portavoce capo della commissione europea Eric Mamer.

alessandro
alessandro
8 Aprile 2021 19:23

Che si tratti di bridge lockdown, mega lockdown o – come suggerimento per un ulteriore aumento – giga lockdown. Dipende dall’entità del rischio e dall’efficacia o dalla necessità di tale misura. Dobbiamo valutare qui. Ecco perché dovremmo ascoltare quello che ci dice la medicina di terapia intensiva. Uno sguardo al Texas mostra che il mantra “continua così” o “più di esso” non è molto efficace. Lì le immagini sembrano d’altri tempi: 38.000 fan hanno recentemente assistito all’inizio della stagione di baseball dei Texas Rangers nello stadio quasi pieno, la stragrande maggioranza senza maschere. Il governatore Greg Abbott ha revocato tutte le regole della corona il 2 marzo 2021. Il requisito della maschera è una reliquia del passato ei negozi sono tutti aperti. Tuttavia, il numero di casi è diminuito, al livello più basso dal giugno dello scorso anno. La situazione è simile nel Wyoming e nel Mississippi, ovviamente anche in Florida.

Jimbo
Jimbo
8 Aprile 2021 17:16

Si sapeva. Comunque meglio se si evince da uno studio, molto meglio.

Il covid-19 si attacca quasi esclusivamente
– in ambienti chiusi con scarsa circolazione di aria,
– tra persone vicine,
– se le persone parlano molto e ad alta voce,
– senza mascherina.

In spazi aperti è un evento rarissimo ma occorre comunque prestare attenzione al distanziamento, alla voce e alla mascherina.

Si attendono conferme, SAREBBE DI VITALE IMPORTANZA per le attività all’aperto (ad esempio per i mercati all’aperto e per i ristoranti all’aperto).

Patti
Patti
8 Aprile 2021 16:07

Seeee, 1 contagio su 1000 all’aperto…
Non fate leggere questo studio a Fiano e sinistrini vari, che potrebbero obiettare sulla veridicità dei dati, sulla credibilità dei ricercatori, etc etc, come accaduto lunedì nella puntata di Quarta Repubblica…
Fiano&Co, sono refrattari agli studi e alle ricerche portate avanti da persone che non sono nel loro libro paga…

Kim
Kim
8 Aprile 2021 15:53

Andare in vacanza non è un diritto secondo il liberisti.
Adesso inizia però il piagnisteo pro turismo e indotto.
Anche imprendere in qualunque campo non è un diritto, ma una libera scelta secondo i liberisti.
Il turismo quindi non va aiutato né incentivato.
Va in vacanza chi se lo può permettere nelle strutture che si potranno permettere di riaprire.
Libero mercato