in

Vaccino agli under 12, la replica di Burioni è peggio della giravolta

Il noto televirologo risponde con un tweet al nostro pezzo. Ma è lui a fare una “figura barbina”

Dimensioni testo

Che sia mai stato in malafede lo vogliamo escludere, mentre sulle figure barbine s’è fatto una certa esperienza. Roberto Burioni non l’ha preso benissimo, il nostro pezzo in cui gli abbiamo segnalato una delle tante giravolte pandemiche: ad agosto diceva che vaccinare gli under 12 non ha senso, a dicembre commenta con un “evviva” l’approvazione da parte dell’Aifa del vaccino agli under 12.
Ma ancora più grottesca è la replica della virostar, che in un tweet crede di spiegare la ferrea logica del dietrofront: “Il 29 agosto 2021 un vaccino sotto i 12 anni non aveva senso per un motivo semplice: non c’era”. Geniale. Ma allora perché aveva chiesto al leghista Claudio Borghi di andarlo a dire in Parlamento? Se un oggetto non esiste, l’unica cosa a non avere senso è pretendere un proclama politico per stabilire che esso non ha senso. Dobbiamo mandare i deputati in Parlamento a dire che non ha senso far viaggiare nel tempo le persone? O che non ha senso imporre una tassa sulle case del pianeta Marte?

Mettiamola giù un po’ meglio, caro Burioni: il vaccino per i bambini, ad agosto, esisteva eccome. Solo non l’avevano ancora autorizzato. Tant’è che quello che stanno somministrando ai minori da 12 a 17 anni e che, adesso, somministreranno anche a quelli da 5 a 11, è esattamente lo stesso vaccino inoculato ai maggiorenni, da 18 a 100 anni, con l’unica differenza che il dosaggio è stato ulteriormente ridotto. Sostenere che vaccinare gli under 12 non ha senso non poteva significare altro, se non quello che era evidente che volesse dire: e cioè, che agli under 12 il vaccino non serviva. Altrimenti sarebbe bastato dire: “Caro Borghi, il vaccino per i bambini per adesso non c’è ancora”. Che è cosa ben diversa.

È più “figura barbina” la capriola sulla baby puntura, o il grottesco tentativo di arrampicarsi sugli specchi?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
orwelldilettante
orwelldilettante
7 Dicembre 2021 22:32

Questo informatore farmaceutico non ne ha indovinata mai mezza, nonostante avesse detto tutto e il suo contrario il giorno dopo.
Va denunciato per istigazione all’odio, incitamento alla violenza. Ma potrebbe espiare le sue Sburrionate vestendo e indossando scarponi a punta, pantaloni colorati e spiritosi e con un bel nasone rosso…

Claudio Pietro Vescovi
Claudio Pietro Vescovi
7 Dicembre 2021 17:13

Sarebbe bello se Burioni fosse l’unica virostar della televisione a dire certe sciocchezze. Peccato che sono tutti sulla stessa linea: per le cure domiciliari precoci contro il Covid 19 è bene andare con i pedi di piombo; per il vaccino, invece, la massima superficialità, tanto, comunque, va bene ed è l’unica arma contro questa malattia.

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
7 Dicembre 2021 16:51

Siamo a Natale, ma per Burloni è sempre Carnevale.

ENRICO
ENRICO
7 Dicembre 2021 16:39

Prof. Burioni per favore…. non tocchi Nicola Porro. Lui no! E’ uno dei pochissimissimi giornalisti che si capisce che è un uomo sempre in buonafede. La malafede si vede lontano un miglio che non ce l’ha nel DNA. E poi in questo caso Nicola Porro ha ragione evidente. Lo capirebbe anche il mio jack russell terrier se solo avessi tempo di accennargli la diatriba.

Massimiliano Borsa
Massimiliano Borsa
7 Dicembre 2021 14:23

È un dibattito surreale: chi tutti i giorni esprime valutazioni o giudizi pubblici (giornalisti e virologi) è destinato ad auto-smentirsi! Tanti più parli, tante più probabilità hai di dire sciocchezze.

Fausto Aniballi
Fausto Aniballi
7 Dicembre 2021 13:15

Burioni è quello che da Fazio ha affermato che i tamponi sono pericolosi per la salute e i vaccini no?

Fausto Aniballi
Fausto Aniballi
7 Dicembre 2021 13:11

Ieri 6/12/2021 in trasmissione Guzzanti ha esaltato gli scienziati USA e GB denigrando di fatto quelli italiani. Ha dimenticato che invece sono stati i primi ad isolare il virus,- che hanno lavorato benissimo per i monoclonali – che ultimamente hanno pubblicato uno studio per “chiudere la porta al virus”. Il problema sta nel fatto che lo Stato non ha finanziato veramente la ricerca per il vaccino italiano.
Siamo stati costretti ad acquistare il vaccino americano … come per gli aerei F35.

Paolo Pagliaro
Paolo Pagliaro
7 Dicembre 2021 12:25

Ma ci fa o ci è?