Viganò, l’Asia Argento del Vaticano: la sua vera storia

Condividi questo articolo


Anche in Vaticano sembra spuntare un Asia Argento travestito da Vescovo. Parrebbe proprio questa la vera storia di Carlo Maria Viganò, ex Nunzio negli Stati Uniti che accusa Papa Francesco di aver taciuto casi di pedofilia e arriva a chiederne le dimissioni. Ma può un Vescovo che ha giurato fedeltà al Vicario di Cristo, nonché Romano Pontefice, scagliargli contro un sasso così pesante? Viene dunque subito in mente la frase di Gesù al momento della lapidazione di una povera donna: “chi è puro scagli la prima pietra”!

Poco importa che lo scandalo da 23 milioni di euro che coinvolse Paolo Cipriani, ex direttore generale dello IOR, esplose perché all’interno di quella somma vi erano importi personali importanti che proprio Viganò transitava da uno Stato estero al Vaticano (in violazione di norme anti riciclaggio); poco importa che la sorella del Vescovo denunciò proprio suo fratello per aver portato fuori con valigia diplomatica ingenti quantità di denaro, nonché per aver sottratto beni e i fondi necessari per curarsi all’altro fratello, Lorenzo Viganò, frate gesuita. Proprio Lorenzo disse del suo congiunto in una intervista al Giornale che era ora di rivelare l’anima di un lupo vestito da agnello, che tanto male ha fatto.

Monsignor Viganò è stato anche l’iniziatore del primo scandalo Vatileaks, in cui accusava Bertone di averlo cacciato dal Vaticano per coprire scandali e corruzione. E proprio il nipote del Vescovo, se non bastasse, appare l’esempio di un vero Santo Prete! Dopo solo 3 settimane di seminario a Venegono, è stato “ammesso” all’Accademia diplomatica allora guidata da Justin Rigali, anche lui sotto inchiesta in Usa, e subito ordinato prete (aveva 42 anni ed era laureato in legge) da Carlo Maria Martini in una piccola parrocchia di provincia, rompendo la tradizione che lui stesso aveva istituito di ordinare tutti i sacerdoti in Duomo. Nessuno ha mai osato mandarlo all’estero e oggi è relegato all’ufficio informazioni della Segreteria di Stato.

Ma quando Viganò decide di diventare il persecutore dei peccati di Santa Romana Chiesa? Proprio quando capisce che non gli verrà data la porpora e che verrà spedito lontano dalla curia. Una lunga lista di accuse fatte da Viganò, poi smentite, spingono il Cardinale Giovanni Lajolo a scrivere una lettera a Papa Ratzinger per affermare l’indegnità all’ufficio cardinalizio. Non sono serviti a nulla i tanti dossier che il prelato accusatore costruiva ed usava a suo piacimento, basti ricordare quello di un prete che per aver denunciato un confratello reo di molestie sessuali ai danni di seminaristi fu allontanato da Roma fino alla Sicilia. Si trattava di un diplomatico che pochi anni dopo dovette lasciare la carriera per tornare nella diocesi originaria di Albenga, dove risiedeva un amico intimo di Viganó, il Vescovo Mario Oliveri, deposto proprio da Papa Francesco per aver coperto per anni scandali gravissimi di morale. Proprio quel Papa di cui ora il non Cardinale Viganò chiede le dimissioni.

Luigi Bisignani, Il Tempo 28 agosto 2018


Condividi questo articolo


10 Commenti

Scrivi un commento
  1. Che il denaro lo portava allo IOR solo Vigano non é evidente cheando questa era la maniera di finanziarsi di madre chiesa. Evidentemente era una pretica o meglio un costume abituale. Il resto delle storie rivela un mondo di lupi e corrotti tale da permettere un Vigano ad arrivare ad essere vescovo ed aspirare ad essere cardinale. Uno pensa oora sulla quantitá di lupi che bivacchiano nel branco di lupi, o che quanto é grande questo branco.

  2. Caro Porro. Leggo sempre con gusto gli articoli di Bisignani ma questo non mi è piaciuto. Condivido la posizione di Federico, magari con toni diversi, ma la sostanza è quella. Quello che scrive Viganò è vero? Nell’articolo di Bisignani non c’è una sola frase che lo smentisca. Aspettando i fatti……

  3. Avevo un insegnante di religione alla scuola superiore intelligentissimo e colto. Era ammanicato nelle Acli e molto dentro l’entourage dell’allora Arcivescovo di Milano, Montini. Quando questi divenne Papa, egli fu portato in Vaticano divenendo in breve tempo vicedirettore dell’Osservatore Romano. Avrei detto che per lui erano aperte le porte di una carriera folgorante e così sarebbe stato se non avesse osato scrivere (o venne spinto a farlo) un articolo assai critico nei confronti del nuovo Papa polacco e di Solidarnosc, ma soprattutto del denaro che aveva preso quella direzione. Cominciò la sua parabola discendente fino ad essere incaricato del vicariato del Pantheon. Quando morì andai a vedere qualcosa su internet e, al netto di quanto possa essere vero, scoprii che egli era legato a filo doppio a Marcinkus e risultava addirittura titolare di un conto alle isole Vergini. Più altre amenità di questo tipo. Ho sempre pensato che il Vaticano fosse un covo di serpenti ai quali gli aspetti religiosi interessano poco. Questo ultimo episodio del vescovo Viganò conferma la mia impressione.

  4. Sì ok quello che vuoi. Finito di sparar ***** su Viganò resta un interrogativo di fondo: quel che ha scritto nel memoriale è vero o no? A casa mia contano i fatti, non le chiacchiere

  5. Wojtyla, direttamente e indirettamente, ha coperto e insabbiato migliaia di abusi su minori. Ha protetto per anni sacerdoti colpevoli di abusi sistematici. La chiesa ha fatto “santo” questo papa che ha protetto i pedofili anzichè proteggere la vittime. Ora pretendiamo che Papa Bergoglio possa risolvere un problema così profondo e vasto? Per quanto possa essere estraneo a questi dolorosi abusi l’attuale leader del Vaticano non è in grado di ripulire un livello di corruzione così esteso e consolidato per anni dai suoi predecessori.

  6. I sacerdoti che tradiscono il loro mandato non si rendono conto del male che causano, di quante anime si allontanino dalla Chiesa, di quanti fedeli si intiepidiscano. “Danno scandalo è inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per cui avvengono. E’ meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e venga gettato nel mare”.

  7. Lasci perdere la spazzatura bisignana. Perchè le accuse sono veritiere. Pensiamo al maniaco mons Ricca braccio dx del buffone porteño

  8. E chiaro che ora si parte con i contrattacchi mirati a compromettere l’integrità morale e pastorale di chi mette in discussione l’operato ed il comportamento di Bergoglio. Il documento dell’ex nunzio Viganò parla per se stesso e invece di attaccare l’autore, bisognerebbe rispondere alle concrete accuse in esso elencate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *