in

Adesso i no vax invocano il vaccino

Dimensioni testo

Il grande sconfitto dell’epidemia di coronavirus è lo stupido movimento antiscientifico no vax. Un movimento che, sull’onda della propaganda e della volgarità grillina, aveva riscosso molto consenso e aveva creato non pochi problemi con numerosi episodi in cui i genitori non vaccinavano i figli. Oggi, invece, se ci fosse il vaccino per il coronavirus nessuno lo rifiuterebbe né a sé stesso né ai figli.

Nemmeno Beppe Grillo rifiuterebbe il vaccino. Anzi, il comico e tragico fondatore del M5S è così convinto dell’importanza della scoperta scientifica per debellare l’epidemia e la pandemia di Covid-19 che sul suo famoso blog, oggi un po’ meno celebre e meno celebrato, ha scritto: “La sfida attuale è quella di trovare un vaccino per il coronavirus. Una volta scoperto, la prossima sfida sarà sicuramente la produzione e la distribuzione in tutto il mondo”. Proprio così: produzione e diffusione del vaccino (che non c’è) in tutto il mondo.

Eppure, solo qualche tempo addietro, circa dieci anni or sono, sempre il famoso blog delle stelle diffondeva idee antiscientifiche come questa: “Di vaccino si può morire”. Quindi: “Sono convinto che le persone debbano essere messe al corrente dei pericoli che comportano certe pratiche vaccinali”. Come si ricorderà, anche se in Italia si dimentica tutto molto in fretta, la campagna contro i vaccini fece gran rumore, tanto che ne furono infettati anche altri partiti e altri politici, anch’essi insieme ilari e drammatici, secondo l’irrimediabile costume tragicomico che Flaiano stigmatizzava con la frase: “La situazione è tragica ma non è seria”.

Lo stesso ministro della Salute, anch’essa di nome Grillo, fu in grande difficoltà perché, come medico e come ministro, si trovò divisa tra la serietà e responsabilità del ruolo e la insipienza dello stupidario grillino. Ora, come per incanto, sembra che tutto questo sia passato, spazzato via da un morbo ignoto che sull’onda del tempo più o meno reale del rimpicciolito mondo globale ha svuotato le nostre città e le nostre contrade inondate inutilmente dal sole di marzo che annuncia un’inquieta primavera.

Un giornalista intelligente e informato, Luciano Capone, ha notato che Beppe Grillo vuole, fortissimamente vuole proprio l’unico vaccino che non esiste. Infatti, a fargli comprendere l’utilità del vaccino che non c’è è proprio l’epidemia che c’è e miete vittime con una logica da contagio che è uguale in Cina come in Italia e, come sembra che stiano ora realizzando, in Europa, America e resto del mondo. Capovolgendo la posizione di Grillo si capisce perché il comico genovese consideri inutili gli altri vaccini: perché non ci sono più le corrispondenti malattie che, però, non ci sono più proprio perché la ricerca scientifica ha creato i vaccini per debellarle.