Arcuri, lo statalista da poltrona

Condividi questo articolo


Noi, fino a pochi giorni fa spelacchiati liberisti da divano, come disse lui (omettendo che sul divano ci avevano incatenato le illuminate decisioni sue e dei suoi soci di governo), vogliamo innalzare un peana a Domenico Arcuri, lo statalista da poltrona.

Uno così non ci ricapiterà più, meditate. Un altro che dimostri in modo così inequivocabile, con toni così indifendibili, con chiarezza espressiva così lombrosiana, il fallimento radicale dell’iperstatalismo burocrate e pulcinellesco italico, dove lo troviamo? Quest’uomo è nettamente il miglior sponsor possibile del liberismo (da divano o da trespolo, “col cocktail” come ci descrisse ottimisticamente lui o col boccale di birra), una sua conferenza stampa vale più della lettura dell’opera omnia di Von Hayek, una sua uscita è in grado di far approdare all’anarco-capitalismo più estremo perfino il funzionario più paludato.

Una vita nelle aziende di Stato, che è in realtà un ossimoro, dal momento che tali soggetti non rischiano soldi loro, bensì del contribuente, e andrebbero piuttosto chiamati col loro nome, carrozzoni (non a caso debuttò nel padre di tutti i carrozzoni, l’Iri), o al massimo in multinazionali di fatto oligopolisitche nel settore d’appartenenza, Domenico Arcuri ha un problema congenito col libero mercato. Ancora oggi, ha ribadito la sua turba parasovietica di fissare per legge il prezzo di un bene in regime di scarsità: “È infondato sostenere che sia il prezzo delle mascherine a determinare o condizionare la mancata fornitura”. Non solo non ha mai sentito parlare di Milton Friedman, ma evidentemente era anche distratto al liceo, quando in classe si leggevano I Promessi Sposi, nella fattispecie il capitolo sulla carestia e la mancanza di pane a Milano. I farmacisti di ieri come i fornai di oggi, se il bene non circola è colpa di produttori e/o commercianti, non della geniale idea dirigista che sulla carta funzionava così bene, con tanto di timbro della cancelleria di Stato.

Il commissario straordinario all’emergenza Coronavirus (forse, la prossima volta, meglio pensare a qualcuno di ordinario) ha anche la tempistica e la reattività tipiche dello statalista da poltrona. Sempre oggi ha infatti avviato la gara, rivolta ad imprese “italiane ed internazionali”, per ottenere il numero massimo di reagenti necessari ad effettuare i 5 milioni di tamponi promessi alle Regioni. Oggi, a tre mesi abbondanti dalla dichiarazione dello stato d’emergenza. Una velocità d’esecuzione da socialismo reale, ma non vorremmo offendere in contumacia la burocratja delle fu democrazie popolari.

Appena può, lo statalista da poltrona chiarisce inoltre che qualcosa non è compito suo, ovvero esercita l’italianissima arte dello scaricabarile. A una domanda sullo stato dell’arte della App di tracciamento Immuni, il nostro risponde: “Il team del ministro Pisano insieme a quello del ministro Speranza e alla Sogei stanno lavorando alacremente, confido che i tempi che hanno dato possano essere rispettati. Io li sto supportando e sostenendo per quanto possa”. Supportare e sostenere, è la strategia collaudatissima dello statalista da poltrona. Rimpallare la responsabilità, il suo immediato corollario.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Questa sera guardando la trasmissione di Del Debbio si nota che der Kommissario scende dalla vettura e spalla a spalla con un giornalista parla senza mascherina esce da suo palazzo per entrare in vettura e sempre senza maschera non si dice poi di ogni conferenza giornaliera dove ostenta il suo bel viso senza maschera. Ma allora il decreto è valido solo per i plebei mentre lui essendo una divinità può agire come…cavolo vuole? Perchè nessun vigile non pensa di aspettarlo quando esce e lo multa come tutti noi? Perchè i giornali non evidenziano queste scene?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *