in

Aurora Leone: ridateci la galanteria “sessista”

Dimensioni testo

Davvero spiacevole l’episodio capitato ad Aurora Leone, del gruppo comico dei The Jackal, che ha denunciato di essere stata cacciata dalla cena della Nazionale cantanti perché “le donne non giocano a calcio”. Sono le parole che le ha rivolto Gianluca Pecchini, il direttore generale della rappresentativa, che stasera giocherà la partita del cuore contro i Campioni per la ricerca. Anche l’attrice era stata convocata. Alla fine, Pecchini, travolto dalle sacrosante critiche, si è dovuto dimettere.

Insomma, apparentemente c’è ben poco da dire: la Leone ha subito un’indegna e ingiustificabile offesa. Siamo certamente lontani anni luce dal femminismo di maniera del Metoo. Tuttavia, c’è forse spazio per una riflessione: quello del dg Pecchini è stato sessismo o cafonaggine? Poco importa, direte voi: in fondo, la Leone è stata cacciata in quanto donna. Paradossalmente, però, il gesto di Pecchini è stato l’opposto del sessismo, se sessista è, come vuole la vulgata femminista, chiunque non tratti una donna esattamente come tratta un uomo. Da questo punto di vista, sarebbe sessista, semmai, infischiarsene della “parità” e preoccuparsi, con educazione, di far accomodare una signorina al tavolo, anche se ti sta sui cosiddetti, anche se non la vorresti lì, per qualsiasi motivo, più o meno “presentabile”. Perché una donna, proprio in quanto donna, non si allontana mai e non si bistratta mai.

Insomma, la compulsiva ricerca del maschilista da additare ha compromesso anche la cavalleria. Così, se da un lato è certamente un’inaccettabile discriminazione quella subita dall’attrice, al tempo stesso, ci sembra che, più che il sessismo, il problema sia stata proprio la cafonaggine. Il punto, dunque, non è indagare le idee (sia pure sgangherate, riprovevoli) di Pecchini, quanto sottolineare che chiunque, sbagliando, le coltivasse, dovrebbe evitare di comportarsi da buzzurro, da uomo di Neanderthal. Più che una guerra tra sessisti e non sessisti, dobbiamo riscoprire un vecchio valore (che, appunto, le femministe considerano molto sessista): la galanteria. Intanto, forza Aurora e forza partita del cuore: stasera, su Canale 5, c’è da raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.