Commenti all'articolo Basta politica, sul Coronavirus parola agli scienziati

Torna all'articolo
Avatar
guest
46 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
adl
adl
25 Febbraio 2020 12:28

Basta Politica, lei dice, illustre Ruggeri. C’è qualcuno che disse in affari in amore in guerra (ovvero nella vita e quindi necessariamente in politica perchè la vita è politica) ….tutto è permesso.

Anyway, come dicono i top manager, le azioni crollano, e gli scaffali sono vuoti, pure quelli dei FALCE & CARRELLO, strane asimmetrie da coronavirus.

art3mide
art3mide
25 Febbraio 2020 11:45

Troll+sciacallo+idiota che brutta combinazione.

Purtroppo è qui che scrive e scrive e scrive … vabbe’, l’unica difesa è andare avanti ad ignorarlo.

wisteria
wisteria
25 Febbraio 2020 11:34

Scusate se insisto : il governo cinese aveva il dovere di avvertire il mondo e di non mandare in giro turisti e lavoratori già da dicembre scorso. La cura degli stranieri incombe al paese ospitante. Noi ci prendiamo infatti buona e costosa cura della coppia cinese che sta allo Spallanzani, e che non sarebbe dovuta venire qui. Parimenti dalla Cina non doveva tornare nessuno degli italiani e dei cinesi residenti in Italia che erano lì per motivi vari. Evidentemente sono rientrati molti portatori (sani e non ) che hanno sciorinato in giro il contagio…

Ho notato che per ogni malato accertato si tenta di ricostruire i contatti avuti, ma se questo è difficile, come abbiamo visto, anche per chi ha una vita corretta, pensate a quelli che fanno parte di certi ambienti. Anche senza essere un gangster, nessuno confessa volentieri di fare lo scassinatore o il toy boy.

art3mide
art3mide
25 Febbraio 2020 9:27

Il più grande sciacallo italiano? Conte!

per coprire le sue inadempienze e la sua incapacità, cerca di gettare la colpa sulle regione che hanno seguiti i protocolli del governo …

Poverino, crede così di far dimenticare la mancata quarantena obbligatoria per TUTTI quelli che rientravano dalla Cina e la propaganda politica attuata per discreditare chi la chiedeva.

Conte, un esserucolo senza arte nè parte, che ci è stato messo sul groppone e che non riusciamo a scrollarci di dosso.