in

La morte di Ratzinger

Benedetto XVI, basta ipocrisie: non lo avete mai amato

Il discorso di Ratisbona, la fuga di notizie, le critiche ingenerose, la “cacciata” dalla Sapienza: i progressisti non lo apprezzavano

benedetto xvi ratzinger papa morte

Dimensioni testo

Le prime pagine dei siti di tutto il mondo sono dedicate alla morte di Benedetto XVI. L’Italia non fa eccezione. Racconti accorati. Foto emozionali. Il ricordo di un papa conservatore “che ha rivoluzionato la Chiesa”. Per lui, molti elogi e dichiarazioni di ringraziamento. Balle. Non nel senso che Joseph Ratzinger non sia stato davvero un gigante nella storia della Chiesa. Ma perché sono riti di circostanza, spesso e volentieri ipocriti.

Diciamolo: Papa Ratzinger non lo avete mai amato. Non trasmetteva l’empatia che vi sareste aspettati. Era molto teologo e poco star. Portava le scarpe rosse e la catena d’oro al collo. Viveva in Vaticano. Ha delineato una Chiesa ancorata ai principi che non piacevano a un certo cattolicesimo “adulto”, “progressista”, aperto al mondo e alla modernità.

Non lo avete mai amato. E forse non lo avete mai capito. Lo dimostrano le dichiarazioni che si leggono nei lanci di agenzia, più concentrate sulla scelta di dimettersi che su quanto fatto in otto anni di pontificato. Nei messaggi dedicati a Benedetto, nessuno – se non poche eccezioni – tra alti prelati, vescovi, presidenti della Cei, teologi e via dicendo ha mai citato la difesa dei “principi non negoziabili” e la lotta alla dittatura del “relativismo“, quel cancro sociale che “non riconoscendo nulla come definitivo, lascia come ultima misura solo il proprio io con le sue voglie”. Nessuno lo ha enfatizzato. Eppure era questo il fondamento del suo ministero.

Nessuno ha sottolineato la forza con cui difese “la tutela della vita in tutte le sue fasi, dal primo momento del concepimento fino alla morte naturale” (no all’aborto e all’eutanasia). Nessuno ha ricordato il suo sforzo per promuovere la “struttura naturale della famiglia”, senza tentennamenti, “quale unione fra un uomo e una donna basata sul matrimonio” (no alle unioni gay). Nessuno ha citato la frase di Ratzinger in cui sosteneva “il diritto dei genitori di educare i propri figli”, contro qualsiasi forma di indottrinamento statale, parastatale, gender e fluidità affini. Nessuno, infine, ha enfatizzato la lotta in difesa della famiglia “dai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione” (no alle unioni civili). La Chiesa la modernità deve cercare di guidarla, non subirla. “Le varie forme odierne di dissoluzione del matrimonio, come le unioni libere e il matrimonio di prova, fino allo pseudo-matrimonio tra persone dello stesso sesso, sono espressioni di una libertà anarchica, che si fa passare a torto per vera liberazione dell’uomo”.

Sarà un caso. Ma nel messaggio diffuso da Monsignor Gian Carlo Perego, presidente della Fondazione Migrantes, tutto si cita tranne che l’invito di Ratzinger a riaffermare “il diritto a non emigrare”, cioè “a essere in condizione di rimanere nella propria terra”. “Il cammino di integrazione – diceva Benedetto XVI – comprende diritti e doveri, attenzione e cura verso i migranti perché abbiano una vita decorosa, ma anche attenzione da parte dei migranti verso i valori che offre la società in cui si inseriscono”. Era così difficile includere questa parte?

Sarebbe bastato un poco di coraggio per dire che quando nel 2013 Benedetto XVI rassegnò le dimissioni, molti dei commentatori tirarono un mezzo sospiro di sollievo. Lo dimostrano i fatti. Quando pronunciò la storica lectio magistralis di Ratisbona sul rapporto tra fede e ragione, su religione e violenza, in pochi si presero la briga di difenderlo (salvo dargli ragione in seguito con la nascita dell’Isis). Nello scandalo pedofilia non ebbe la stessa benevolenza della stampa, e della curia, oggi assicurata a Bergoglio. La sua scelta di reintrodurre la Messa in latino venne vista come una mossa reazionaria. Lo stesso dicasi per il tentativo di giungere ad una riconciliazione con i Lefebvriani. In Germania lo chiamarono “il Grande Inquisitore”. In Italia aprirono i quotidiani col titolo “il Pastore tedesco”. Nel 2008 Ratzinger, già Papa, venne invitato dalla Sapienza di Roma per l’inaugurazione dell’anno accademico: 67 tra professori e docenti diedero vita ad una protesta contro la “sconcertante iniziativa” di far parlare un pontefice all’Università. Alla fine Benedetto XVI annullò la visita, in quello che è uno dei più grandi atti censori mai avvenuti in un Ateneo.

Tutto sommato, alla fine, a tanta ipocrisia è preferibile l’onestà intellettuale di Vladimir Luxuria. L’attivista, dispiaciuto per “la perdita della persona”, ha deciso di non “tacere i grandi contrasti” che “Benedetto ha avuto con la comunità Lgbtq+” e che “si sono affievoliti” solo “con Papa Francesco”. Giovanni Paolo II mise d’accordo tutti. Bergoglio è apprezzato anche da chi non crede affatto. Ratzinger no: troppo conservatore.

Giuseppe De Lorenzo, 1 gennaio 2023