in

Berlusconi bluffa: nessun inciucio con Conte

Dimensioni testo

Da quando è partita l’emergenza pandemia imperversa un sotto genere giornalistico in quello già tutto italiano, e molto discutibile, del “retroscena”. Ed è quello che, con linguaggio medievale, potremmo chiamare gli amori di Giuseppi e Silvio. Cioè il corteggiamento del più giovane verso il più anziano, e la soddisfazione di quest’ultimo per essere trattato dall’avvocato meglio di quanto non faccia Matteo Salvini. Di cui Silvio pare nulla apprezzi, a cominciare dal modo di vestire. E del resto, nelle cronache dei retroscenisti, il cuore della critica di Berlusconi a Salvini non sembra andar oltre il colore delle cravatte e la tinta delle giacche – il che spiega il modo in cui questi osservatori vedono la politica, o meglio il modo in cui vorrebbero mostrarla.

Lo specialista del genere è Francesco Verderami, che oggi ne ha dato l’ultimo esempio, sul Corriere della Sera, il giornalone più filo governativo, soprattutto crediamo per interessi di bottega del proprietario, e per questo disposto a lodare chiunque assicuri un po’ di sopravvivenza al suo sire, e a sventare le minacce che potrebbero minarlo – fino a un’ardita difesa di Paolo Mieli del regime di Maduro, nei giorni dell’affare del sospetto finanziamento ai 5 stelle. Questo per dire che da via Solferino stanno iniettando doti di fantasia per far credere l’operazione più avanzata di quanto non sia, persino dando spazio a sondaggi in cui, miracolosamente, da quando Silvio accetta le profferte di Giuseppi, Fi sarebbe in ripresa.

Tuttavia non si tratta solo di un’invenzione del fu giornale della «grande borghesia nazionale». Tutti sanno che contatti sono in corso. Ma crediamo non porteranno a nulla. Primo perché Berlusconi si è sempre comportato cosi quando si trovava all’opposizione. Contro i governi del centrosinistra e quello Renzi, in una prima fase, quando il Cav sentiva che i premier non erano impopolari, la sua tattica non è mai stata quella dello scontro diretto ma quella degli ammiccamenti, dei divide et impera. Salvo poi infierire la mazzata non appena i governi si indebolivano.