in

Bufera sull’Fbi: “Ha mentito sul figlio di Biden”

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo sudamericano

Dimensioni testo

New York si attiva per costruire tendopoli per i migranti

La Grande Mela ha bisogno di un complesso di tende per i migranti, hanno detto al Wall Street Journal oggi alcuni funzionari, poiché la città più grande della nazione si deve preparare ad ospitare un’ondata crescente di richiedenti asilo. Più di 30 mila migranti in cerca di asilo sono arrivati a New York dalla primavera. Solo la città di El Paso, Texas, ha inviato circa 10 mila richiedenti asilo, per lo più venezuelani che non avevano amici o parenti negli Stati Uniti, tra settembre e ottobre. El Paso sabato ha dichiarato lo stato di emergenza, idem la contea di Yuma, in Arizona e Denver, in Colorado. A New York da mesi 5.500 migranti sono in quattro hotel che la città ha convertito in centri di soccorso questo autunno. Uno degli hotel ha sostituito la tendopoli da 1.000 posti letto costruita a ottobre su Randalls Island. Ora però si costruiranno altre tendopoli, perché la Grande Mela non ha più strutture a disposizione.

Il regime nicaraguense firma con l’Iran un’alleanza sulla cooperazione energetica e di difesa

Il cosiddetto “Programma globale di cooperazione tra il governo della Repubblica islamica dell’Iran e il governo della Repubblica del Nicaragua”, è stato firmato domenica a Teheran dal ministro degli Esteri nicaraguense, Denis Moncada, e dal suo omologo iraniano, Hossein Amir- Abdollahian  e copre i settori di agricoltura-allevamento, energia-minerali, economico-commerciale, scientifico-tecnologico, bancario-finanziario e assicurativo, difesa e sicurezza, sanità e investimenti. È il quattordicesimo accordo firmato tra i due paesi finora nel 2022.

Ieri, il ministro degli Esteri di Ortega ha detto che “Iran e Nicaragua sono amici e fratelli. Resisteremo al dominio Usa, che mette in pericolo la pace internazionale con le sue violazioni del diritto internazionale e vinceremo”, ha detto al forum del Dialogo di Teheran, accusando Washington “di volere provocare una terza guerra mondiale con la guerra in Ucraina”. Da ricordare infine che a gennaio, Teheran ha inviato il terrorista dell’AMIA di Buenos Aires Mohsen Rezai alla cerimonia di insediamento alla presidenza di Ortega.

La Bolivia ha espulso il dissidente cubano Jorge Castro su richiesta della dittatura castrista

La Direzione Generale delle Migrazioni gli ha concesso 15 giorni per lasciare il Paese: “Il motivo è il mio attivismo sui social contro le violazioni dei Diritti Umani che avvengono nel mio Paese”, ha denunciato Castro, nel mirino di Díaz-Canel per le sue denunce dei diritti umani violati e per le denunce sulla mancanza di libertà nell’isola. È estremamente grave, che il governo boliviano espella un residente legale per le sue opinioni politiche. L’attivista, con più di 40 mila follower su Twitter, ha affermato che “è estremamente grave che i paesi democratici della regione siano utilizzati dal braccio armato della sicurezza dello Stato castrista per limitare le libertà individuali dei cubani, e crea un precedente disastroso”.

Questo mese, l’Ong Prisoners Defenders ha denunciato un rapporto che ci sono 1.034 prigionieri politici a Cuba in  questo momento, sottolineando che il regime “continua a vessare, minacciare, convocare e detenere migliaia di persone, e imprigionare e perseguire penalmente decine di nuovi prigionieri politici”.

Così l’Fbi ha fatto pressione su Twitter per censurare la storia di Hunter Biden

Ore prima che il NYPost pubblicasse lo scoop sul Clapton di Hunter, il 14 ottobre 2020, l’agente dell’Fbi Elvis Chan ha contattato l’allora dirigente di Twitter Yoel Roth, che ha testimoniato che i federali lo avevano preparato a far passare lo scoop come un hacking russo. Un insabbiamento visto che i federali avevano in loro possesso il laptop di Hunter dal 2019. Insomma, l’Fbi ha fatto pressioni su Twitter per sopprimere lo scoop del Post facendolo passare come un’operazione russa di “hack and leak” anche sapendo che era una falsità, come sappiamo solo ora dai registri interni della società resi pubblici ieri dai “Twitter Files”. I documenti pubblicati ieri su Twitter dal giornalista indipendente Michael Shellenberger hanno mostrato che l’ex capo della sicurezza di Twitter Roth è stato contattato dall’agente dell’Fbi Elvis Chan poche ore prima che il post pubblicasse la prima storia del laptop tramite un canale di comunicazione unidirezionale per inviare Roth e ad almeno un’altra persona 10 documenti nella notte del 13 ottobre.

Inoltre, 21 ore prima dello scoop, l’avvocato di Hunter, George Mesires aveva chiamato e inviato email a John Paul Mac Isaac, il proprietario del negozio dove il figlio di Biden aveva portato e poi scordato il suo laptop a riparare. “Sono un avvocato di Hunter Biden e apprezzerei che tu riveda i tuoi documenti su questo tema”, aveva scritto Mesires a Mac Isaac. Alle 5 del mattino di ottobre 14, il Post ha pubblicato il primo di molti scoop esponendo i discutibili rapporti d’affari in Ucraina e Cina di Hunter. Roth da allora ha sempre testimoniato che i federali lo avevano indotto a considerare qualsiasi segnalazione sul laptop di Hunter Biden come un’operazione “hack and leak” russa. E Chan in seguito ammise sotto giuramento che gli “avvertimenti” dell’FBI erano stati esagerati.

Nell’agosto 2021 Roth scriveva a Chan che non vi erano prove a sostegno di una storia del Washington Post che aveva fatto “un sacco di insinuazioni circa interferenze straniere” sulla piattaforma. Inoltre, è venuto anche fuori ieri che nel settembre 2021, Chan e Roth hanno concordato di istituire una “stanza di guerra virtuale” per i dirigenti di Twitter, l’FBI e l’ufficio del Direttore dell’intelligence nazionale.

Le balle dell’Fbi, l’agenzia sapeva che lo scoop del NYPost era autentico e non hack russo

I membri della comunità dell’intelligence Usa e i censori di Twitter oggi si difendono dicendo che non sapevano che il portatile Hunter Biden fosse reale e, quindi, che avrebbero sbagliato per “eccesso di cautela”. “Ha tutti i classici segni di un’operazione di disinformazione russa”, aveva assicurato una lettera di 50 ex funzionari dell’Fbi all’epoca. Ora sappiamo che era una balla. L’Fbi aveva già in mano da oltre un anno il portatile di Hunter, che era stato consegnato loro dal proprietario di un negozio di riparazioni del Delaware, lo stesso uomo che lo avrebbe fornito al Post quasi un anno dopo. È anche sempre più evidente che l’Fbi stava tentando in ogni modo di bloccare le informazioni che stavano per essere pubblicate. I file di Twitter resi noti ieri dal giornalista Michael Shellenberger, mostrano una cronologia intrigante:

Il Post chiama l’avvocato di Hunter Biden per un commento il giorno prima della pubblicazione. L’avvocato chiama John-Paul Mac Isaac, il riparatore di computer. (Nota a margine, per tutti coloro che hanno accusato il Post di non fare due diligence sul portatile: il Post non ha mai fornito all’avvocato il nome di Mac Isaac, ma semplicemente detto al legale di Biden jr che avevano il portatile di Hunter. L’avvocato sapeva evidentemente quale officina di riparazione chiamare, fornendo un altro livello di conferma del ruolo dell’Fbi. Inoltre: Hunter e la campagna Biden non hanno mai negato che il portatile fosse suo, hanno solo denigrato il Post su come l’avesse ottenuto).

Poco più di due ore dopo c’è la telefonata dell’avvocato di Hunter a Mac Isaac, Poco dopo l’agente speciale dell’Fbi Elvis Chan invia 10 documenti all’allora capo della sicurezza di Twitter, Yoel Roth, attraverso Teleporter, un canale di comunicazione unidirezionale dall’Fbi verso Twitter. Cosa c’è in quei documenti? Non si sa. Tuttavia non appena il NYPost pubblica la prima storia di Hunter Biden il giorno dopo, Twitter la censura subito. È impossibile credere che Chan e altri funzionari dell’Fbi — per non parlare dei 50 ex agenti dell’intelligence che hanno firmato quella lettera — non sapessero che i file di Hunter Biden erano già online o che davvero pensassero che i file erano stati “hackerati” dalla Russia o inventati dal giornale.

Sapendo che alla fine le informazioni sarebbero trapelate, gli “esperti” hanno trascorso mesi a prepararsi per come sopprimerle. Shellenberger osserva che nel settembre 2020, un mese prima che il Post desse la notizia, Roth “ha partecipato a un “esercizio da tavolo” dell’Aspen Institute su una potenziale operazione di “Hack-and-Dump”.”Il Game” che hanno simulato? “Cacciatore Biden”. Hanno delineato uno scenario falso in cui sono trapelati documenti su Burisma online, che delineavano i pagamenti al figlio dell’ex vicepresidente. Ciò che i file di Twitter mostrano non è cautela, ma lo sforzo coordinato tra la campagna Biden e l’Fbi per limitare la portata di una storia dannosa per Joe Biden.

I repubblicani hanno promesso di avviare un’indagine quando avranno la maggioranza della Camera, tra meno di un mese. Il suggerimento per i primi testimoni? Chan e Roth. Cosa c’era in quei 10 documenti? Cosa sapeva Chan del portatile Hunter Biden? E cosa ha detto a Twitter? Forse allora anche il resto della stampa deciderà che la collusione tra l’FBI, una campagna politica e una società di social media, è degna di copertura.

Paolo Manzo, 21 dicembre 2022


Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.