in ,

Cara Greta, basta chiacchiere!

Recentemente ho fatto outing. A titolo personale (non coinvolgendo certo Zafferano.news) sono uscito dal limbo decisionale delle chiacchiere, o colte o ironiche o ciniche, e mi sono schierato con Greta Thunberg, e con la teoria antropogenica. Il suo linguaggio del corpo mi ha convinto: trasuda al contempo coraggio e sconforto, sconforto e coraggio. Chiedo solo, dopo l’outing, di essere esentato dalle ripetizioni stucchevoli dei rischi ambientali: basta sfilate, convegni, scioperi del venerdì, articoli e dibatti conclusi con gli orrendi: “bisognerebbe”, “dovremmo”, etc. etc. Di qui in avanti, pretendo solo execution, costi quel che costi in termini di PIL e di qualità della nostra vita. Se il CO2 è una minaccia mortale per l’umanità paghiamo tutti i prezzi necessari per salvare la Terra.

Quindi ONU, UE, Governo mi impongano cosa devo fare in concreto per abbattere il CO2 del 50% entro il 2030. Per esempio, quale riduzioni fare sui voli aerei (kerosene) e del cibarsi di carne bovina (flatulenze delle vacche). Qualsiasi sacrificio, ma basta chiacchiere. Chiedo alla politica di lasciar perdere il “volontariato”: è una sega mentale per birbanti. Prendere impegni firmando ogni carta per poi bellamente disattenderla, è atto ignobile. Come quello del satrapo Xi Jinping: va a Parigi a firmare gli impegni sul clima, se ne vanta, poi torna a Pechino, e con la scusa, dice lui, che deve mantenere 1,3 miliardi di sudditi zombi, pianifica la costruzione di centrali elettriche a carbone (a carbone sic!) per una potenza di 148 gigawatt, pari alla capacità installata dell’intera Europa che nel frattempo vorrebbe chiuderle. Una buffonata, ma tutti zitti, il fatturato giallo vince su tutto.

Altrettanto facciano i giovani. Basta slogan, cartelli, cortei e subito dopo cibarsi dei soliti hamburger flatulenti e, tornati a casa, mettere l’aria condizionata o il riscaldamento a tavoletta. E il giorno dopo volare a Londra spendendo i soliti risibili 19 €. Perché questa è la sgradevole realtà, andare in piazza, anziché a scuola è eccitante, ma fare sacrifici giammai. Cara Greta, nell’ultima visita a Torino hai detto la frase che mi attendevo: “Il 2020 sarà l’anno dell’azione”. Sacrosanto, basta chiacchiere, basta appelli, abbiamo bisogno solo di execution. Madrid ha dimostrato che i tuoi discorsi sferzanti verso la Politica (e verso i loro burattinai cino-californiani), quando si tratta di aprire il borsellino lasciano il tempo che trovano.

Ti prego, intervieni sui tuoi giovani amici dichiarando, per esempio, la verità sulle mitiche auto elettriche. Sono confusi al punto che credono sia alle bugie di Elon Musk, sia alle fake truth che i diversi establishment propinano loro. Ancora non hanno capito come dietro la presa della spina di ricarica c’è solo schifoso combustibile fossile. E così sarà per moltissimo tempo ancora. Si tratta di un’oscena finzione markettara, anticipare un veicolo elettrico quando ancora non esiste il carburante pulito per la ricarica è una presa in giro. Greta fai passare invece il principio di verità “Se l’energia non è rinnovabile, lo zero emissioni è solo allo scarico”

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo