Commenti all'articolo Caro Porro, aboliamo il valore legale della laurea

Torna all'articolo
guest
41 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Frankos
Frankos
2 Marzo 2021, 20:56 20:56

La perplessità è confusione di molti, deriva dalla confusione che si fa tra ‘titolo di studio’ e ‘valore legale del titolo di studio’. Il primo attesta il tipo e la quantità degli studi fatti, il secondo serve a fissare il ruolo del titolato a prescindere dalla qualità effettivamente acquisita!!!

Francesca
Francesca
23 Febbraio 2021, 15:57 15:57

Io dico che una buona preparazione va suggellata con tanto di laurea e, quando dico laurea, dico una cosa seria e non quei pezzi di carta che si ottengono pagando Enti privati. Già la laurea 3 + 2 penalizza chi ha dovuto studiare per interi anni. Infatti, chi ha fatto solo i 3 anni, si qualifica ingegnere allo stesso modo di quello che ne ha fatti 5. In particolare, la laurea dà il titolo di dottore in ingegneria e solo superando l’esame di stato si diventa ingegneri. Purtroppo, più si è preparati e meno è facile avere un posto di lavoro in Italia perchè il cervellone dà fastidio anzichè essere un’ottima risorsa. Non a caso, all’estero accolgono a braccia aperta i nostri grandi cervelli perchè, checchè se ne dica, la preparazione avuta in Italia è ottima e gli insegnamenti sono andati a buon fine nei cervelli meritevoli.

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
23 Febbraio 2021, 11:13 11:13

“Ogni scuola, quale che sia l’ente che la mantenga, deve poter dare i suoi diplomi non in nome della Repubblica, ma in nome della propria autorità: sia la scuoletta elementare di Pachino o di Tradate, sia l’Università di Padova o di Bologna, il titolo vale la scuola. Se la tale scuola ha una fama riconosciuta, una tradizione rispettabile, una personalità nota nella provincia o nella nazione, o anche nell’ambito internazio­nale, il suo diploma sarà ricercato; se, invece, è una delle tante, il suo diploma sarà uno dei tanti” (Don Luigi Sturzo ‘Illustrazione italiana’, 15 febbraio 1950).

mariag
mariag
23 Febbraio 2021, 10:08 10:08

La società è imbrigliata non dalle regole ma dalle eccezioni.

rosario nicoletti
rosario nicoletti
23 Febbraio 2021, 9:14 9:14

Della abolizione del valore legale dei titoli di studio si parla da quasi un secolo. Questa proposta non ha mai avuto fortuna, per il semplice motivo che rappresenta – per chi conosce i problemi dell’istruzione – il completamento di riforme capaci di rivoluzionale le scuole di tutti i livelli. Il presupposto è infatti una vera concorrenza tra singole scuole e sedi universitarie: concorrenza che dovrebbe riguardare l’offerta didattica, mentre oggi non esiste nulla di simile. Dovrebbero realizzarsi molte condizioni, dalla quali siamo ben lontani, a cominciare dal mondo del lavoro che dovrebbe essere gestito con criteri meritocratici. Poi, le singole istituzioni, scuole o università, dovrebbero avere incentivi per competere nell’offerta didattica: negli USA le università competono sotto lo stimolo del mercato, dato che l’amministrazione – molto spesso privata – è separata dal potere accademico. Le università migliori sono anche le più ricche: fanno pagare rette più alte ed assicurano con la loro fama, l’avvenire degli allievi. Da noi sono stati creati dei mostri: l’autonomia universitaria è stata introdotta in modo scriteriato, senza dare la sacrosanta responsabilità ad i gestori. Abbiamo una autonomia irresponsabile, e dei brandelli di omogeneità dei titoli di studio, ai quali attribuiamo un “valore legale”. Abolirlo non servirebbe a nulla, forse solo a peggiorare le cose.

marcor
marcor
23 Febbraio 2021, 9:01 9:01

Scusate la mia ignoranza, ma io ho spesso sospettato che abolire il valore legale dei titoli di studio corrisponda a far fare il medico o l’avvocato anche a chi sa solo leggere e scrivere. Mi volete spiegare come si dovrebbe selezionare un insegnante di Inglese da assumere nella scuola?
In sostanza, cosa comporterebbe nella pratica abolire il valore legale del titolo di studio?

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli