in

Caro Porro, e se non volessi farmi la terza dose?

terza dose

Dimensioni testo

Carissimo Dott. Porro,

sono un suo grandissimo estimatore e le scrivo perché le sarei grato se potesse approfondire un argomento che mi preme molto.

Sono un medico, specialista in Ortopedia e Traumatologia e pur essendo un sì vax sono assolutamente contrario al green pass per le stesse ragioni che lei quotidianamente argomenta in modo perfetto. Ho completato il mio ciclo vaccinale tra gennaio e febbraio 2021 come tutti i sanitari, ed ho vaccinato per mesi migliaia di persone preso l’hub istituito presso l’ospedale dove presto servizio. Ma ora con la terza dose, mi sovvengono parecchi dubbi!

In primis io sono abituato prima a fare una diagnosi e solo successivamente a prescrivere una terapia, pertanto quando tra poco dovremo fare la terza dose senza magari determinare prima il profilo anticorpale e, pertanto ricevere, o ancor peggio prescrivere, una terza dose di vaccino con pochissime evidenze scientifiche mi lascia molto perplesso.

Ora mi chiedo ma se, pur avendo completato il ciclo vaccinale precedente, non volessi fare la terza dose, (additandomi, pensi un po’, come un no vax) potrei essere sospeso dal mio lavoro oppure potrebbero non rilasciarmi il famigerato lasciapassare? La confusione regna sovrana e non ho ottenuto risposte nemmeno dalla mia direzione sanitaria né tantomeno dalla sorveglianza sanitaria a cui siamo periodicamente sottoposti. Mancano in buona sostanza linee guida e certezze. Le pare possibile?

La ringrazio per il tempo che dedicherà a questa mia mail.
Buon lavoro

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
116 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
MASS
MASS
28 Settembre 2021 0:06

Un po’ tardi per farsi venire dei dubbi… Che Dio assista le migliaia di persone che lei ha vaccinato per mesi…
https://comedonchisciotte.org/vaccini-covid-e-trombosi-il-punto-della-situazione/
https://www.gospanews.net/2021/09/26/sars-cov-2-e-vaccini-modificano-il-dna-umano-enorme-esperimento-sulla-popolazione-studio-incubo-di-genetista-tedesco-su-science-direct/
(per citarne solo un paio…)

Andrea G.
Andrea G.
27 Settembre 2021 17:51

E poi…ma la terza dose e’ lo stesso vaccino “testato” un anno e mezzo fa?
Perche’ il virus nel frattempo e’ pure mutato… pure sta cosa mi lascia perplesso.

Marirose64
Marirose64
27 Settembre 2021 17:47

Ben venuto nel mondo reale , di chi da mesi cerca di oppore la ragione a dogmi pseudo scientifici che ci vengono propinati in modo assolutistico.

Andrea G.
Andrea G.
27 Settembre 2021 17:44

Per la terza dose non sarebbe utile e sensato fare prima un conteggio degli anticorpi?
Capisco che diventa complicato, ma qui ormai siamo al “siringhiamoli tutti” neonati compresi.

Sono un SI VAX, ma il metodo adesso mi lascia veramente perplesso.

Gioacchino Albanese
Gioacchino Albanese
27 Settembre 2021 17:34

Sono assolutamente d’accordo con il collega…ho anche io dei dubbi riguardo questa 3 dose per gli stessi motivi elencati nell’articolo.

Andrea
Andrea
27 Settembre 2021 14:41

Se non ti fai la terza dose, allora non solo niente lasciapassare (di stampo fascista-nazista), ma ti verrà cucita sulla giacca e sulla camicia la lettera scarlatta N (che sta per no-vax) e una stella a 18 punte (tre volte il numero 6, ovvero 666, fa 18 ed è il simbolo satanico di questo governo Draghi), da portare sia in casa che all’aperto.

Pigi
Pigi
27 Settembre 2021 10:18

Gli anticorpi non significano niente, perché non sappiamo niente di come il virus si insedia nell’organismo.
Una quantità di virus elevata, dovuta a contatti strettissimi, probabilmente è in grado di superare qualunque numero di anticorpi e di provocare l’infezione, anche grave.

Così si spiegano i casi di vaccinati malati e defunti, anche se, logicamente, in numero minore dei non vaccinati, almeno per tre-quattro mesi dopo la vaccinazione.

Questa protezione aleatoria, vale i costi e i danni, conosciuti e sconosciuti, provocati dal vaccino? Non è meglio curare i malati?

In tutto il mondo, tranne in Italia, si sta ragionando.

Maurizio
Maurizio
27 Settembre 2021 9:59

“In primis io sono abituato prima a fare una diagnosi e solo successivamente a prescrivere una terapia” Solo ora se ne accorge? Per la prima e la seconda dose no?!?