in ,

Caro Porro, la dittatura sanitaria mi fa morire di fame

covid disoccupata

Dimensioni testo

Ciao Nicola,

più passano i giorni e più sono basita dallo stato di dittatura in cui siamo piombati da un anno a questa parte, e mi sembra pure che le cose stiano andando peggio di prima…

Io lavoro nel turismo, non lavoro da più di un anno, ho fatturato poco e niente nel 2020 (abbiamo avuto una perdita del 95% a dir poco), quello che ho ricevuto dallo Stato come partita Iva sono stati 2.200 euro nel 2020 e adesso dovrebbero arrivarmi 1.000 euro che già ho capito saranno gli unici che ci spetteranno in questo primo semestre del 2021 e non mi stupirei fossero gli unici sussidi per tutto l’anno.

Il mio tour operator è basato negli Usa e le nostre dipendenti con l’unemployment americano hanno preso l’80% dello stipendio. Io, partita Iva in Italia, con una perdita praticamente del 100% di fatturato, per il nostro governo di mentecatti ho diritto a 3.200 euro (per due anni di perdite), che coprono praticamente le tasse che, pur non lavorando, sono obbligata a versare (e ancora questo concetto me lo devono spiegare perché io proprio non lo capisco!).

Come fa uno Stato, non solo a dare una miseria di sussidi dopo che non ti fa lavorare per due anni (perché noi nel turismo perderemo due anni di lavoro!), ad avere anche la faccia tosta di venire a chiederti di pagare le tasse? Ma stiamo scherzando? Io non ho nessun rispetto per uno
Stato così e maledico il giorno in cui ho lasciato gli Stati Uniti per tornare in Italia. L’ho fatto per portare qui quello che avevo imparato là, pensando che l’Italia avesse bisogno di persone dalla mentalità anglosassone per uscire dal proprio torpore ma evidentemente neppure noi, con anni di esperienze all’estero, contiamo e valiamo qualcosa per questo Paese.

Sono veramente affranta. Non chiedo tanto… solo che si smetta di usare un virus per fare politica e chiuderci in casa a vita. Tutto questo ucciderà più del virus, loro lo sanno benissimo ma godono evidentemente a vedere la gente morire di fame, proprio come in tutti i paesi sotto regime comunista.

Con tutta la mia stima per te e per tutto quello che fai.

Benedetta RV, 12 aprile 2021