ArticoliLa posta dei lettori

Caro Porro, la farsa degli aiuti ai giovani sul lavoro

3.2k 15

Gent.mo Nicola,

vorremmo portare alla sua attenzione quanto ricevuto dal nostro commercialista (la nostra azienda Manifattura di Domodossola è stata fondata nel 1913 e opera nel settore della moda e dell’arredamento, tralasciamo le problematiche legate al Covid che stanno distruggendo il nostro settore).

In data 11 febbraio 2020 è stato pubblicato dall’Anpal il Decreto Direttoriale n.52 per la nuova agevolazione per l’anno 2020; la circolare specifica che lo sgravio spetta ai datori di lavoro privati che assumano nuovo personale (o trasformino da tempo determinato a tempo indeterminato) sul territorio italiano nel periodo tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2020; i lavoratori devono avere un’età compresa tra i 16 e i 24 anni oppure oltre 25 anni senza un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi.

Per l’agevolazione in questione sono stati stanziati complessivamente 329 milioni e 400 mila euro di cui 234 milioni di euro a favore delle regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), 12 milioni e 400 mila euro per le regioni “più sviluppate” (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Umbria, Marche e Lazio) e 83 milioni per le regioni “meno sviluppate” e “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna).

In data 1º settembre 2020 la ditta “Manifattura di Domodossola” ha trasformato a tempo indeterminato una dipendente che soddisfa i requisiti per lo sgravio sopra indicato. La ditta ha atteso la pubblicazione dell’applicativo (27 ottobre 2020) per poter richiedere la riduzione contributiva e, il 16 novembre 2020 è stata inoltrata la richiesta tramite il portale Inps.

Il 7 dicembre 2020 l’Inps ha rifiutato provvisoriamente la domanda per mancanza fondi. Non parliamo più di aiutare il Made in Italy e i giovani… sono solo parole.

Giulia Polli, 12 dicembre 2020

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli