in ,

Caro Porro, sul mix vaccinale la libertà è una finta

Dimensioni testo

Buongiorno,

mia moglie, insegnante, avrebbe dovuto fare la seconda dose Astrazeneca (Vaxveria) il giorno 12 giugno 2021 alle ore 19.02.

Si è presentata per fare il richiamo insistendo per avere Astrazeneca. Il Direttore Sanitario del Centro Vaccinale presso il CUS di Dalmine ha mostrato un documento del Ministero in cui si vietava espressamente la somministrazione di Astrazeneca. Pertanto il richiamo è stato rinviato.
Ha scritto all’ASST Bg Ovest chiedendo di rinviare il richiamo in attesa di fare il test anticorpale. La risposta è stata: o fa Pfizer il giorno 17 giugno o perde la possibilità di fare il richiamo.

Essendo insegnante ed avendo necessità del Covid pass per lavorare ha dovuto accettare il ricatto e il giorno 17 ha subìto il richiamo con Pfizer. E oggi Draghi e Speranza hanno il coraggio di presentarsi e dire che c’è libera scelta? Con la scusa della Pandemenza (cosi mi piace chiamarla visto che di sensato non c’è nulla) hanno cancellato i diritti umani e costituzionali su cui si fonda la democrazia.

Io dirigo una struttura socio sanitaria ed è oltre un anno che siamo vessati da diktat assurdi e da normative prive di qualsiasi fondamento.

Grazie
Buona giornata

Nappa Domenico, 20 giugno 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
59 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Domenico
Domenico
6 Agosto 2021 11:52

Come volevasi dimostrare l’obbligo vaccinale per gli insegnanti ora è legge e adesso quelli rimasti fuori dovranno correre per evitare la sospensione senza stipendio. Peccato leggere che tutti solo un mese fa si sono prodigati per rispondere a questo post. La gente ormai ha smesso di pensare e si allinea al pensiero unico imposto da chi comanda. E se la pensi diversamente o esprimi un’opinione contraria al pensiero unico vieni etichettato come no vax, negazionista ecc… Nessuno che si ferma a ragionare, a leggere i numeri per quello che sono veramente e nessuno, o pochi che osservano la realtà.

LAURA
LAURA
28 Giugno 2021 13:23

Io sono un ‘ insegnante e nessuno, per ora, mi ha obbligato a vaccinarmi. Il pass non c’è nella scuola

Leonardo
Leonardo
24 Giugno 2021 10:28

covid pass per lavorare??? è stato inventato adesso?? gli unici “obbligati” sono i sanitari, le altre professioni possono liberamente esercitarle senza essere obbbligati al vaccino, mi sembra strano ci che è stato affermato

Milano
Milano
23 Giugno 2021 16:19

Se il Dott. Porro invitasse nella sua trasmissione il Sen. Siri forse la gente potrebbe ascoltare una persona sensata che sa di che parla quando parla di covid, cure, vaccini, ecc ecc. Probabilmente ….non accadrà.

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
21 Giugno 2021 10:50

Emerge la sensazione che, tirate le somme ed accertate le responsabilità, il processo di Norimberga sarà ricordato come una gita fuori porta.

Anna
Anna
21 Giugno 2021 9:00

Per gli insegnanti non c’è l’obbligo vaccinale, almeno fino ad oggi. Di sicuro vengono fortemente criticati e messi all’ indice tutti quelli che ancora non si sono vaccinati.Il pensiero unico ha preso il sopravvento su menti che dovrebbero essere pensanti ma in realtà sono acritiche.

Davide V8
Davide V8
21 Giugno 2021 0:54

https://news.yahoo.com/revealed-fully-vaccinated-died-delta-indian-variant-coronavirus-102623618.html

Just 26 fully vaccinated people have died with Indian COVID variant

Sì, ma vediamo meglio:
-26 morti vaccinati completamente
-34 morti non vaccinati
-11 parzialmente vaccinati.

Ne consegue che il rischio complessivo di morte è quasi uguale tra vaccinati e non.
I vaccinati risultano meno esposti perchè hanno molti meno casi, ma se prendiamo per buono questo dato il tasso di letalità è *molto più alto per i vaccinati*: circa 0.6% vs 0.1% (0.1% = influenza).

O c’è un bias nel definire i “contagiati”, per cui i vaxxed sfuggono

Davide V8
Davide V8
21 Giugno 2021 0:32

Vedo che gli “scienziati” stanno sclerando, di fronte ad una situazione che sta sfuggendo di mano e che, giorno dopo giorno, conferma che dicevano un sacco di scemenze ed avevano spessissimo ragione coloro che, con disprezzo ed ignoranza esemplare, chiamano “complottisti”.
Nessun complottismo, solo la realtà.

Grande Albert Nextein, come sempre.

Ovviamente sono gli “scienziati” a non avere la minima concezione di cosa sia la libertà.

E, sì, il covid quantitativamente è dannoso come una “brutta influenza”.
Non tanto come la spagnola, ma circa come altre (asiatica ecc.) che sono passate senza isterie e nazismo sanitario e vaccinale.