Commenti all'articolo Chi c’è dietro gli studenti del “No Meloni day”

Torna all'articolo
guest
28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Dario Bellocchi
Dario Bellocchi
25 Novembre 2022 21:41

Sindacalisti a parlare di lavoro?!!! Ahahahah Non ne esiste uno che abbia lavorato veramente in vita sua. O sono nullafacenti o imboscati. Il calvario dell’ università pubblica italiana è dovuto all’ occupazione della sinistra e della sua punta di diamante (sic) CGIL

Guido
Guido
25 Novembre 2022 17:19

da sempre gli ebetogiovani di sinistra vanno in piazza a comando della CGIL. io sono del ’73. Ai tempi del liceo giravano proprio i volantini del sindacato. La CGILè squallida; non è neanche veterocomunista è solo una disgustosa cricca di ignoranti parassiti che si sono asserviti al potere della sinistra globalista a sua volta braccio esecutivo dei triliardari che controllano la moneta e la finanza.

Dargin
Dargin
25 Novembre 2022 13:23

L’ho detto mille volte, il sindacato non serva a una fava, Ve lo dice uno che ne faceva parte. Non pagate sta gentaglia togliete la tessera sindacale

paolospicchidi@
24 Novembre 2022 19:18

Cosa dovrebbe fare un Sindacato? Stare in silenzio davanti a una serie di provvedimenti economico/sociali/politici che giudica negativamente. Oltre che trattattare, incontrare altre parti sociali e la politica, fa il suo mestiere che è MOBILITARE. Gli indirizzi mail io ricevo mail da parte di Partiti di CdX per magari avergli scritto un mail anni fa. Credo che la CGIL li abbia perché svolge anche servizi fiscali ecc o di altra natura.
Saluti
PS Protestano guidati, ispirati dalla CGIL, che c’è di male? Non li obbliga mica. Partecipano, aderiscono, ci mettono del loro, non sono mica alle elementari, sono universitari e/o superiori.

Alida
Alida
24 Novembre 2022 18:44

Trovo inaccettabile il silenzio assordante del sig. Mattarella Sergio!

cecco61
cecco61
24 Novembre 2022 17:17

La CGIL fa il suo mestiere, condivisibile o meno. Il vero problema è chi invece, dall’interno degli Atenei, ha passato gli indirizzi. Dipendente pubblico, intoccabile, verrà magari pure promosso mentre andrebbe licenziato in tronco.