Commenti all'articolo Ci siamo dimenticati che Leonardo è italiano

Torna all'articolo
Avatar
guest
33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Italiano
Italiano
7 Maggio 2019 18:34

Dire che uno possa essere definito italiano solo dopo la nascita dello stato italiano nel 1861 è una castroneria senza se e senza ma , in effetti il termine italiano è di comune utilizzo anche da parti di storici per riferirsi a cose o persone antecedenti l’unità così come si è tedeschi prima del 1870.Nessuno si è mai posto il problema dell’italianità di leonardo ma qualcuno deve per forza mettere in piedi una polemica insulsa in risposta ai ” sovranisti, come se fosse sensato reagire alle destre con l’andare contro la nostra identità e ciò che siamo. Il prossimo passa quale sarà? Andare contro il risorgimento? Far rinascere un leghismo secessionista partendo dalla sinistra? Mah

Mi piace ricordare il discorso del corso Pasquale Paoli a Napoli nel 1750, il sentimento e la nazione italiana sono secolari , lo stato poteva nascere nel 400 come nel 600 o nel 900.

Saluti.

Keoma Elio Braga
Keoma Elio Braga
6 Maggio 2019 11:04

Lo vorrebbero i francesi? Ma che si atanno inventando? Fazio sarà contentissimo di questo

Andrea Salvadore
Andrea Salvadore
6 Maggio 2019 4:14

Caro Gnocchi, non si meravigli o e non si indigni. L’attenzione dei nostri concittadini é rivolta al divertimento, al buon mangiare, ai spettacoli indigeribili come Balla con le Stelle a conduttori e giornalisti di televisione il cui parlare tradisce sempre il dialetto originale. Non credo ci siano molti dei nostri che sentano il Coro dei Lombardi con un fremito di emozione; per sapere cosa é veramente l’Italia bisogna leggere un libro di un tedesco che la ha amata e ci ha passato quasi 30 anni vagando per tutta la penisola, bisogna leggere Camminate per lItalia di Ferdinand Gregorovius. A lui se deve la fama di Capri dove ci andó, nel 1835, in una barca a remi per poi pubblicare “Capri, un gioiello nel Mediterraneo”.

Tiziana
Tiziana
5 Maggio 2019 10:09

Sono pienamente d’accordo con quanti dicono che Leonardo era di Firenze dove aveva iniziato i suoi studi. D’altra parte il fatto che venga conosciuto nel mondo come Leonardo “da Vinci” avvalora questa tesi.
Vinci è un paese della bella campagna toscana. Merita una visita. E lì c è il museo dedicato al grande fiorentino