in

Conte, il re è nudo - Seconda parte

Ma i capi a volte sono accecati e rischiano di perdere il contatto con la realtà. Una realtà amara perché, finita l’ubriacatura collettiva per i barconi e i clandestini, restano impietosi i dati dell’economia, dall’industria ai salari a picco, nessun indicatore escluso. Per ora non ha fatto né Flat tax né investimenti, ma solo reddito di cittadinanza e quisquilie grilline che gli hanno consumato tutte le risorse. Il popolo di Salvini, in parte volatile e non duraturo, a questo gioco di farsi infettare dall’incompetenza e dall’improvvisazione dei 5 Stelle non ci vuole stare più. Con l’effetto che, trascinando questo disastro, l’altro re nudo, dopo Conte, resti non solo il Capitano ma il popolo italiano.

Luigi Bisignani, Il Tempo 23 giugno 2019

Condividi questo articolo

2 Commenti

Scrivi un commento
  1. Conte e’ diventato premier perche’ i 5S non avevano nessuno per quella posizione, un altro segnale che mostra i limiti dei grillini.
    L’opaco Mattarella continua a tramare dietro le quinte, ma deve stare attento, il paese non e’ quello che lui pensa.

  2. Se non ho mal inteso, Bisignani, butterei giù la seguente sintesi: Il Conte re è nudo, la contessa Sinistratia, veste i panni svolazzanti e trasparenti dei soliloqui del prof. Sergej also sprache Savianustra, ed il Capitano se ne sarà capace, dovrà tirare la barchetta Italia, con tutti i suoi problemi per i prossimi 14 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.