in

Così Kamala Harris ha schivato la quarantena

Dimensioni testo

C’è una singolare ironia nelle cose della vita. Mentre nel fine settimana il presidente degli Stati Uniti Joe Biden definiva “assassini” tutti gli americani non ancora vaccinati, circa metà della popolazione, caricando di ulteriori responsabilità di censura i social media, a infettare la Casa Bianca ci hanno pensato alcuni politici “irresponsabili”, sebbene insospettabili. Ovvero la truppa di una cinquantina di eletti Democratici, volati con un jet privato, tutti allegramente seduti senza mascherine e distanziamento sociale, dal Texas a Washington D.C. Accolti dalla stampa come eroi in fuga da un terribile dittatore – il pericolosissimo governatore del Texas Greg Abbott, reo di voler imporre l’esibizione di un documento d’identità per tutti alle prossime elezioni – la pattuglia dei “desaparecidos” ha portato dentro le sacre stanze del potere il temuto coronavirus, da cui già 5 dei legislatori sono risultati infettati.

L’ipocrisia della stampa liberal sui democratici

Nessuno della grande stampa liberal americana ha avuto il coraggio di biasimarli o di definirli “untori”. Perché se a violare le regole Covid, che anche negli Usa impongono l’obbligo di indossare mascherine a bordo, si tratta di esponenti del partito di Biden, i media si voltano dall’altro lato, fischiettando. A marzo era già stato beccato senza mascherina, fotografato da un passeggero, l’inviato Usa per la transizione climatica John Kerry. Beccato a volto scoperto, in prima classe, durante un volo diretto da Boston a Washington. Con un po’ di imbarazzo, l’algido Kerry aveva sostenuto di essersi sfilato la mascherina solo per alcuni istanti, mentre leggeva il giornale. Non stava mangiando né bevendo. Ma era in missione per la salvezza climatica del pianeta. Ogni tanto, per un impegno così gravoso, era pur logico dovesse respirare. Incalzata dalla stampa conservatrice, l’American Airlines, la compagnia su cui Kerry viaggia quando non usa il suo jet privato, era stata costretta ad ammettere che l’illustre passeggero “non avrebbe dovuto farlo”. Eppure, le compagnie aeree americane hanno usato metodi ben più brutali in altri casi di infrazioni al regolamento Covid a bordo. In rete esistono molti video di passeggeri bruscamente redarguiti, e in alcuni casi addirittura fatti sbarcare, solo perché i figli non riuscivano a indossare la mascherina per tutto il volo. Senza deroghe, nemmeno per allattare o per bimbi minori di tre anni.