in

Dati ricoveri Covid gonfiati

Covid, Bassetti denuncia ancora magheggi sui ricoveri: “L’80% è conteggiato male”

L’infettivologo svela la realtà sui numeri dei pazienti ricoverati in ospedale. I dati sarebbero “falsati”…

bassetti ricoveri

Dimensioni testo

: - :

In una lunga intervista rilasciata a “La Stampa”, l’infettivologo Matteo Bassetti, ribadisce un concetto che, insieme a tanti altri suoi colleghi che operano nelle corsie degli ospedali, sta cercando faticosamente di trasmettere al grande pubblico. Concetto efficacemente sintetizzato nel titolo della medesima intervista: “L’80% dei pazienti è in ospedale per altro, ma viene segnato ‘Covid’”.

Entrando nel dettaglio dei numeri, che a tanti virologi da salotto risultano sempre indigesti, il medico stima che “su 10 mila ricoverati con tampone positivo al Sars-Cov2, solo 1500 sono ricoverati con sintomi clinici da Covid-19. E in terapia intensiva, il luogo dove si lotta tra la vita e la morte, circa il 60% è ricoverato “con Covid”, ma è lì per tutt’altro. Mesi fa – aggiunge Bassetti – avevo suggerito di classificare come “Covid” quei ricoverati con tampone positivo, ma anche segni clinici di malattia. Tuttavia nessuno mi ha dato retta e oggi ci troviamo a dover curare nei reparti di malattie infettive persone che con la malattia da Coronavirus non c’entrano nulla e che starebbero meglio in Ortopedia o magari in Cardiologia.”

Per quanto riguarda il tema scivoloso delle mascherine, Bassetti non ha dubbi circa la loro attuale inutilità. Citando il caso abbastanza comico del nostro premier, risultato positivo al tampone, ma asintomatico, dopo aver dipinto il Covid come una malattia mortale per tutti, questo il suo breve commento: “Se c’è uno che mette le mascherine è proprio Draghi, in tutte le riunioni è obbligatorio metterla eppure si è contagiato lo stesso. Il modo per limitare il contagio grave è il vaccino, la mascherina con Omicron e le sue sotto varianti può fare poco.”

Quindi, in estrema sintesi, se le nostre autorità fossero in grado di fare due più due, dando seguito alle sempre più manifeste valutazioni espresse da Bassetti, avrebbero dovuto già da molto tempo trarne le ovvie conclusioni, eliminando ogni forma di restrizione, analogamente a ciò che ha fatto gran parte del mondo avanzato.