Covid, come difendersi dalle multe

multe lockdown
multe lockdown

C’è la irriducibile genia di quelli che pensano che andrà tutto bene, cantano dai balconi, si invitano tra loro a cene allucinanti dove si salutano coi gomiti e mangiano con le mascherine, invitano alla delazione e se gli dici che siamo al regime ti ringhiano democraticamente di tacere, che sei negazionista, che non devi esistere. Per dire la schiatta progressista che è quella che da questa allucinazione lunga 13 mesi sta uscendo peggio di tutti: tetragona al limite dell’ottuso, indifferente al confine del cinico. “Ancora un mese”, e poi un altro e un altro ancora, ma no, non siamo al regime, ma cosa dici, si tratta solo di avere pazienza, cosa che ti riesce meglio se hai l’attico e la seconda e magari la terza casa ereditate dal cognome famoso sul quale lucri per la vita. La sensibilità progressista si compiace dello Stato di polizia, assapora remoti profumi di repressione, le piacciono troppo i gendarmi che fanno i gendarmi, che ti fermano per la strada perché porti la mascherina abbassata o storta. Ma non tutti accettano di buon grado certi abusi o soprusi e in questo caso si possono opporre educate, ragionate reazioni: la prima, quando si viene identificati, è quella di pretendere a vostra volta le generalità di chi vi sta sanzionando, avvertendo che si intende divulgare la faccenda sui media; di solito è già sufficiente per ricondurre il pubblico ufficiale a maggiore comprensione.

Ma l’arma migliore è il vademecum. Fermo restando che è inutile provocare per lo stupido gusto di farlo, che le scenette ad uso mediatico le lasciamo ai bulletti da social, ci sono validi presupposti per discutere con chi vuole essenzialmente intimidirti, vuoi perché gli stai sui cosiddetti e ne approfitta per regolare qualche conto, vuoi perché sente arrivare finalmente la sua ora di sceriffo, vuoi perché crede davvero che con questi metodi si sconfigga la pandemia più isterica del mondo. I presupposti stanno nella pletora di misure surreali, invalide alla radice, inutilmente repressive, fuori dal dettato costituzionale, dal corpus normativo, dalla gerarchia delle fonti.

Sulle multe illegittime, soccorre una sentenza del Giudice di Pace di Frosinone n. 516 del 29/7/2020; sulla possibilità per gli esercenti di restare aperti in quanto l’obbligo contrario risulta stabilito da Dpcm illegale, si è espresso il Tribunale di Roma con ordinanza del 16/12/2020; sulla violazione della zona rossa ha sentenziato il Gup di Reggio Emilia con pronuncia n. 54 del 27/1/2021, stabilendo che non è reato; il Tribunale di Milano con sentenza n. 20/1940 del 16/12/2020 ha assolto un cittadino denunciato per falsa autocertificazione stabilendo che “è reato attestare falsamente dove si è andati ma non è reato attestare falsamente dove si andrà”; la Corte di Cassazione con sentenza n. 7988-2021 del 01/03/2021 ha stabilito che “il mancato rispetto delle norme di contenimento non può configurare in alcun modo un illecito penale”; il Tar del Lazio con ordinanza n. 1947 e 872 del 26/03/2021 ha contestato l’automatismo, stabilito dal Governo, della chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nelle zone rosse con conseguente ricorso alla Dad; lo stesso Tar del Lazio con ordinanza del 04/03/2021 ha bocciato la nota dell’Aifa del 9 dicembre 2020, che indicava i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare” (tachipirina e vigile attesa).

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
80 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano
Stefano
5 Aprile 2021 2:34

Pensavamo di esserci liberati di Bersani e D’alema e invece con solo lo 0,02% dei voti hanno in parlamento un incompetente come Ministro della Salute in un momento lungo ormai 13 mesi di isteria collettiva.

Attilio Sigona
Attilio Sigona
2 Aprile 2021 16:44

Occorre dare voce e pubblicità a tutte le sentenze favorevoli alle libertà dei cittadini. LaTV di Stato tace. La RAI è ormai la voce del padrone ossia l’organo ufficiale del PD e 5 Stelle. Una vergogna. Pensano che noi italiani siamo cretini ed abboc chiamo alla loro faziosità.

Emanuele
Emanuele
2 Aprile 2021 9:55

A quando la manifestazione delle sardine contro Speranza in cui rivendicano il rispetto delle sentenze dei giudici?

giùalnord
giùalnord
2 Aprile 2021 0:20

Ci si aspetta che molte sentenze in Europa si attivino a favore delle libertà soppresse.

Korgek
Korgek
1 Aprile 2021 22:17

Notizia del quotidiano Alto Adige: No mask sfilano a Bressanone, scattano le prime multe. VERGOGNA! FFOO VERGOGNATEVI! Io, all’aria aperta (e sottolineo all’aria aperta) giro SENZA MUSERUOLA, AVETE CAPITO? LE VOSTRE INTIMIDAZIONI SONO ILLBERALI, LE VOSTRE MULTE ANCHE, SE ME LA FATE NON LA PAGHERO’ MAI!!!!!!!!!!!!!!

marco
marco
1 Aprile 2021 16:13

Non ho mai visto tanta gente in giro come negli ultimi giorni, complice anche l’aumento delle temperature.
La smettiamo con le pagliacciate?
Riusciremo a isolare i talebani delle chiusure seppellendoli sotto una risata?

Mi auguro vivamente che le sentenze di cui nell’articolo facciano presto giurisprudenza e diventino il riferimento per i giudici di tutta l’Italia.
I diritti costituzionali restano in vigore anche in emergenza; lo Stato cerca il modo di affrontare l’emergenza senza violare la Costituzione
Quello della Costituzione è un limite invalicabile.
Tutto il resto è barbarie.
Se niente conta, alla fine niente si salverà.

Cristina
Cristina
1 Aprile 2021 13:49

Su change.org è stata lanciata la petizione x far dimettere Speranza.
Firmate gente..firmate

Andrea
Andrea
1 Aprile 2021 13:35

Murati in casa a vita, metti la museruola, esci solo in balcone per cantare come un gaudente idiota. Noi continuiamo a vivere alla faccia tua e dei poveri servi pecore come te.