in

Covid, il piano segreto per il voto al Colle

Elezione del Capo dello Stato: Bisignani ci rivela tutte le trame e le strategie del Palazzo

capo stato elezione

Dimensioni testo

: - :

Nessuna variante Covid potrà stravolgere l’elezione del Presidente della Repubblica. Anzi, per scongiurarne definitivamente il rinvio, alla Camera dei deputati è già pronto un piano logistico segreto. Tra deputati, senatori, delegati regionali, funzionari e giornalisti italiani e stranieri si creerà, infatti, un assembramento di quasi duemila persone tra Aula e Transatlantico con bivacchi che, vista l’aria che tira, potrebbero durare per decine di sedute. Già si pensa di coprire il cortile d’onore interno come avveniva cento anni fa, quando ai parlamentari un vecchio regolamento consentiva, durante l’inverno, l’uso anche di “un copricapo”.

E mentre i preparativi fervono, nei Palazzi del potere impazza una guerra sotterranea, sconosciuta ai più ma di straordinaria importanza: la nomina del nuovo Segretario generale, il più alto funzionario di Montecitorio che governa una macchina amministrativa di circa 1000 dipendenti e un bilancio di 800 milioni di euro. Può mettere bocca praticamente su tutto, dall’ammissibilità degli emendamenti e delle interrogazioni fino alle attività dell’Ufficio di presidenza. È in scadenza, infatti, dopo sette anni, la carica che ricopre l’enigmatica Lucia Pagano, romana, quasi 60 anni, figlia e nipote d’arte, nominata nel gennaio 2015 dall’allora presidente della Camera Laura Boldrini, con la benedizione del re dei mandarini Ugo Zampetti, braccio destro – e anche sinistro – di Sergio Mattarella.

La Super Segretaria inizialmente non era gradita, tra gli altri, all’attuale presidente Roberto Fico il quale nel 2014 appoggiò subito una norma (2-bis) proposta dalla Presidenza del tempo per evitare ogni possibilità di proroga e rinnovo al suo mandato: ora però, in perfetto stile grillino “da retromarcia”, la vorrebbe abolire così da consentire alla Pagano di restare ancora in sella. Dunque anche Fico, in piena sintonia con Giuseppe Conte, è uomo dei “penultimatum”, per dirla come Grillo. E proprio a “Giuseppi” va il merito di aver scatenato, anche per quella poltrona, una faida tra donne sponsorizzando la capa dell’informatica, la rampantissima Claudia Di Andrea, alla quale deve andare anche il merito non trascurabile di essere la moglie del suo amico nuorese, Giovanni Busia, piazzato da Conte all’Anac dopo l’addio di Raffaele Cantone. E così i coniugi Busia-Di Andrea diventerebbero i nuovi “assi di cuori” della Repubblica.

Tuttavia, ad ambire a succedere alla Pagano, ai blocchi ci sono anche altri cavalli di razza, ciascuno in corsa accompagnato da sponsor di primo piano: Giacomo Lasorella, oggi distaccato all’Agcom e da sempre apprezzato da un indomito leone come Ignazio La Russa e non solo da lui; Fabrizio Castaldi, area Pd, che conta invece sull’appoggio incondizionato dell’assertiva Laura Boldrini, soprannominata “la papessa triste”: triste, si dice, quando presiedeva l’Aula, oggi ancor più triste per non avere i commessi intorno. Gira nel web uno spassoso video che mostra una sua zelante collaboratrice che l’esorta a sorridere per non mostrarsi, per l’appunto, così malinconica con i destini del mondo addosso.