in

Covid, Zangrillo smonta l’allarmismo: “Perché i contagi non preoccupano”

Il primario del San Raffaele a Quarta Repubblica: “Basta allarmismo”. E punge il collega Pregliasco sui numeri dell’influenza

Dimensioni testo

È ora di dire basta all’emergenza perenne. Ma anche di dare troppa enfasi ai contagi in aumento in Italia. O di “terrorizzare” gli italiani con lo spauracchio influenza. Alberto Zangrillo, primario al San Raffaele di Milano, torna in tv e dice senza fronzoli che no, “l’aumento dei contagi” di Covid “non mi preoccupa”. Il motivo? “Coi tamponi troviamo persone positive che però non arrivano in ospedale”.

Occorre insomma iniziare a distinguere tra infetti e malati. Differenza sostanziale, spesso dimenticata. Chi si becca il virus non è detto necessiti dell’ospedale e i pochi che finiscono in corsia sono ormai una minoranza gestibile dal sistema sanitario. “Quello che mi preoccupa – spiega invece Zangrillo – sono le enormi liste di attesa di persone che nulla hanno a che fare con il Covid”. Bisognerebbe recuperare tutti gli screening e le visite saltate in due anni di pandemia, invece si preferisce insistere sulla spettacolarizzazione dei contagi. “Vedere oggi come terza notizia il bollettino Covid in forma allarmistica ci interessa poco”, insiste il professore secondo cui i parametri da considerare sono altri: gli accessi in ospedale, il numero di ricoveri e soprattutto i decessi. Su questi fronti, i più importanti, “non siamo per nulla preoccupati”: ad approdare al pronto soccorso sono infatti ormai “prevalentemente anziani” (nel 99% dei casi “non vaccinati”) e la malattia che manifestano “non ha le caratteristiche dell’anno scorso”. Cioè non si mostra con quella drammatica incidenza cui siamo stati abituati a inizio del 2020.

Ai microfoni di Quarta Repubblica, Zangrillo ha preso pure di mira il collega Pregliasco. Senza mai citarlo, ha tirato le orecchie a quel “maestro virologo che cerca di spaventare gli italiani” dicendo che con l’influenza alle porte “ci si aspettano 6 milioni di contagi“. Frase che Pregliasco aveva pronunciato qualche giorno fa e che ha infastidito l’intensivista del San Raffaele. “Si tratta di una supposizione completamente falsa”: basta guardare i dati che arrivano dall’Australia, emisfero più avanti di noi nelle stagione estate/inverno. “Sulla base di questo dato di cui disponiamo dire che ci aspettiamo 6 milioni di casi di influenza in Italia vuol dire che hai sbagliato mestiere, devi fare altra cosa e non il medico. Da noi ci si aspetta aderenza alla realtà“.

da Quarta Repubblica del 2 novembre 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
24 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
dino
dino
3 Novembre 2021 18:00

Meno male che esiste ancora qualche voce della ragione, ma qualcuno gli dara’ ascolto? Ne dubito, perche’ a big pharma (e a questo sgoverno) non conviene.

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
3 Novembre 2021 16:38

L’esimio sanitario dovrebbe segnalarlo al suo più illustre paziente onde questi giri il “contrordine” – senza “compagni” – in via Negri.

paolop
paolop
3 Novembre 2021 14:21

E’ un anno e mezzo che viene smentito in tempo zero sia dai fatti che dalla comunità scientifica.

Marco Gualandi
Marco Gualandi
3 Novembre 2021 14:18

Ahhhhhhhh ma allora la censura esiste anche sul sito di Nicola Porro??? : )
Vorrei tanto sapere cos’aveva di scomodo il mio commento per non essere pubblicato…mi sembrava molto in linea con la maggior parte degli articoli qui pubblicati (in primis il PIU’ LETTO DEL MESE: “il caso” Colombari), senza parolacce e scritto in italiano corretto…mah…siete anche voi “servi del terrore?”
Se voleste rispondermi, la mia mail ce l’avete.
Cordialmente.

Lorenzo Malpaga
Lorenzo Malpaga
3 Novembre 2021 12:52

Caro Zangrillo, il problema dell’Italia è che purtroppo dalle università escono dei totali deficienti come lei. Io sono sempre stato contro ogni lockdown e la costrizione (di fatto) a vaccinarsi per poter andare a lavorare: se proprio il governo italiano obbliga il green pass, allora che i tamponi siano gratuiti e pagati o dallo Stato e/o dal datore di lavoro! Però dire, o far credere, che il COVID-19 sia inesistente o innocuo è da irresponsabili! Penso che il COVID-19 sia stato creato per mano dell’uomo nei laboratori in Cina con la sponsorizzazione degli americani e perciò per proteggere i più deboli evitiamo di far finta che non esiste.

Marco Gualandi
Marco Gualandi
3 Novembre 2021 12:29

“Zangrillo…dice senza fronzoli che no, “l’aumento dei contagi” di Covid “non mi preoccupa”. Il motivo? “Coi tamponi troviamo persone positive che però non arrivano in ospedale”.”
Coi tamponi…che i VACCINATI NON FANNO…e lo sanno anche i muri che anche i vaccinati portano in giro il Covid…..Quindi se a politici e dott. stesse a cuore davvero la salute della gente CI SPIEGASSERO COSA C’E’ DI GIUSTO, DI TUTELANTE, NEL GREENPASS!
Il Covid non è più la minaccia…la minaccia è la crescente dittatura, appoggiata dal silenzio assenso di chi si nutre della paura che gli propinano e non ha il coraggio di aprire gli occhi ALLA REALTA’ DEI FATTI.

Marco
Marco
3 Novembre 2021 12:04

disse quello del virus “clinicamente morto” … intanto i ricoveri stanno risalendo , ne riparliamo fra un mese.

Marco Rossi
Marco Rossi
2 Novembre 2021 22:37

W,report w,Zangrillo