in

Crisi di governo: i fan di Conte dalla forca a Mastella

mattarella conte(1)
mattarella conte(1)

Dimensioni testo

Alla fine la crisi è arrivata, ma non si può dire che la partita fra Renzi e Conte sia terminata. Il premier per caso, o per caos fate voi, pur non avendo un voto uno e pur stando un po’ sugli zebedei a tutti, non è uno che lo disarcioni facilmente.

E lo si è visto proprio nell’agosto del 2019 quando nel giro di qualche ora, o al massimo giorno, si ritrovò dall’una all’altra parte della barricata. E soprattutto, per dirla con Hegel, da servo che era di due padroni si fece lui il padrone di tutti fra il plauso dei compagni e quello dei giustizialisti. Di questi ultimi, in verità, il già “avvocato del popolo” è stato sempre un pupillo, a cominciare da quell’Alfonso Bonafede già dj Fofò da Mazara del Vallo che lo aveva cooptato facendolo uscire dalle tetre mura accademiche (o degli studi giuridici) finalmente “a riveder le stelle” (cinque per la precisione).

Ma non finisce qui. Il fatto è che, dove c’è giustizialismo, lì c’è Travaglio. E infatti al nostro premier serviva un giornale, anzi un’“agenzia Stefani” per dirla con Nicola Porro. Così come a Travaglio serviva un personaggio da adulare aciticamente dopo che Di Pietro non era da un bel po’ più buono all’uso. E poi, vuoi mettere la grossolanità da contadino furbo dell’ex magistrato con l’affettata e perfettina figura del nuovo premier? Ora, a questa che già di per sé era un improbabile compagnia, si è poi aggiunto niente meno che il re del Grande Fratello e degli scazzi televisivi, quel Rocco Casalino che, in pochi mesi, ha messo sotto lo schiaffo mezza stampa d’Italia a cui, con promesse o minacce, ha venduto veline preconfezionate a buon mercato.

E in tutto questo i grillini, che dovevano rivoltare il Parlamento come un calzino e fare dell’Italia un paradiso senza Casta, anche loro, da consumati attori, hanno rapidamente cambiato abito di scena: assaporato il bello dell’essere Casta, son finiti per crearne una nuova a cui tutto sta bene pur di rimanere incollata alla poltrona. Ma la vera nemesi, il colpo di scena, l’eterogenesi dei fini, l’agnizione finale, si è avuta proprio in queste ultime ore quando i novelli democristiani e i fustigatori travagliati del Fatto Quotidiano hanno dovuto provare a stringer patto proprio con il più democristiano di tutti, l’idealtipo della democristianità, Clemente Mastella da Ceppaloni per interposta consorte Lady Lonardo. La quale ultima, con fulminea rapidità, ha creato un gruppo parlamentare di scorta a grillini, contiani e travagliati e lo ho chiamato: “Insieme Con Te”. Da far invidia a Casalino, sia il gioco di parole (Con te=Conte) sia il manifestato amore immenso con voglia irrefrenabile di stare “insieme”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
72 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
stefano
stefano
15 Gennaio 2021 7:52

Mastella ahahahaha ….il nuovo che avanza ahahahaha un paese che è un museo archelogico.))) Che spettacolo triste e indecente)))) Pensavo fosse morto…

Giovanna
Giovanna
14 Gennaio 2021 14:31

È bravo il nostro Renzi, ma è tutta una farsa, tutto tornerà come prima, se non peggio, tutti si attaccano ai morti per Covid, e a questo governo serve per non scollarsi dalla poltrona che vale un bello stipendio, guarda caso i molti morti nelle RSA, ora vi spiego come mai i morti non calano, avendo avuto la mamma in un RSA. Iniziamo dai degenti allettati, due per camera, si presenta un oss o due con il carrello che lasciano in corridoio e con tutto il necessario per la pulizia della persona con guanti in lattiche e spugnette già pronte, prendono l’acqua in bagno in un recipiente, poi tolgono il pannolone immergono la spugna nel recipiente lo strizzano, lavano l’allettato, poi rimettono il pannolone pulito, la sistemano, risistemano il letto e passano alla compagna di stanza, senza cambiare i guanti e a volte l’acqua anche del recipiente non viene cambiata, sempre che la prima non ha fatto i suoi bisogni. Questo era quello che si vedeva quando la porta della stanza non veniva chiusa o che alcune oss ci lasciavano in stanza, è tutto ciò veniva eseguito per quattro volte al giorno. La stessa cosa succede quando gli danno da mangiare, su oltre 30 persone 2/3oss più un infermiera, i guanti sono sempre gli stessi per tutte le persone che… Leggi il resto »

lucia
lucia
14 Gennaio 2021 14:03

@Franco: se Renzi fosse stato un bravo politico non avrebbe aspettato un anno e mezzo a far cadere questo governo, non avrebbe aspettato il fallimento di una intera nazione, non avrebbe aspettato che noi stessimo a guardare la Cina che vola e che vende a destra e manca materiali a prezzi esagerati con il nullaosta di commissari,che dire incompetenti, è fare loro un complimento. Renzi ha parato il sacco finora e adesso crede di rifarsi la faccia

lucia
lucia
14 Gennaio 2021 13:51

Mi era sembrato di aver capito tempo fa che Giggino fosse stato da Mastella ad imparare i segreti della politica #iorestosempreagalla#

Laval
Laval
14 Gennaio 2021 13:42

Mattarella vediamo se riesci a favorire il governo dell’inciucio «Mimì, Cocò e Carmene ‘ o pazzo» o anche, se riapri le trattative del governo con Fofò.
Tratto dall’operetta Conte, 5stelle, Mastella, Renzi come vedovo allegro.
Potresti farlo, mi domando dove finirebbe il rispetto di se stessi.

step
step
14 Gennaio 2021 13:42

Non trovo più persone che abbiano il coraggio di dire che hanno votato 5 Stelle, peggio di quando ci si vergognava di ammettere il voto alla DC. Per fortuna le decisioni determinanti (economiche) vengono prese dall’Europa, fosse stato per questi mentecatti l’assistenzialismo sarebbe ancora maggiore, saremmo in balìa della CGIL.

maurizio giannotti
maurizio giannotti
14 Gennaio 2021 13:32

Responsabili?? E’ una responsabilità per amore di bottega. Gente siffatta va mandata a coltivar patate in Terra di Lavoro, proprio dalle parti di Ceppaloni; altro che deputati e senatori!!!

Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
14 Gennaio 2021 13:13

Renzi e Mastella: i nuovi mostri.
Come comici io però continuo a preferire Totò e Eduardo De Filippo: sono meno eccessivi.