in

La crisi dei grillini

Dai No tap a Xi Jinping: tutte le giravolte di Di Maio

Dimensioni testo

Il Movimento Cinque Stelle è in fibrillazione. Si sa, le amministrative non sono mai andate molto bene per i grillini. Però c’è un tema che occorre affrontare: ovvero il fatto che un partito, che un tempo richiamava 9 milioni di persone, oggi sembra essere alla deriva. Conte e Grillo che discutono sul secondo mandato, l’avvocato del Popolo che non riesce a tenere salde le sue fila, Di Maio che prende, se ne va e fonda Insieme per il Futuro (di chi?).

Ecco, in tutto questo caos, è forse il caso di riguardare alcune fotografie storiche di questo Movimento che si va sfaldando. Perché possiamo credere che Di Maio “atlantista” sia favorevole alle trivellazioni, quando era un convinto No Tap? Possiamo credere a un partito che prima ha fatto il governo con Salvini e poi con “il partito di Bibbiano? Possiamo credere all’idea di un’Europa unita quando vediamo la foto di Di Maio alla riunione con i leader dei Gillet Gialli quando oggi i suoi eurodeputati scissionisti potrebbero andare nel gruppo con Macron? E la via della seta? Che fine ha fatto l’accordo con Xi Jin “ping”?

da Quarta Repubblica del 28 giugno 2022