in

Di padre in figlia: il dittatore Ortega dà pieni poteri all’erede per trattare in Cina

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo sudamericano

Dimensioni testo

Il dittatore nicaraguense, Daniel Ortega, ha concesso pieni poteri a una delle sue figlie, Camila Ortega Murillo, per firmare accordi con la Cina

Nel 2021, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha incluso Camila Ortega Murillo nell’elenco sanzionato dell’Office of Foreign Assets Control (OFAC, per il suo acronimo in inglese). La figlia del presidente nicaraguense è anche nell’elenco delle sanzioni dell’Unione europea (UE) per ‘gravi violazioni dei diritti umani, tra cui la repressione della società civile, il sostegno a elezioni presidenziali e parlamentari fraudolente e per aver minato la democrazia e lo stato di diritto”. Inoltre, nel gennaio 2022, il Dipartimento federale dell’economia svizzero l’ha inclusa in un elenco di sette individui nicaraguensi e tre entità sanzionate.

Il factotum di Pedro Castillo annuncia la sua clandestinità

La giustizia del Perù accusa Aníbal Torres, braccio destro di Pedro Castillo, di essere dietro il fallito colpo di stato. Aveva deciso di assumere la sua difesa, ma poco fa ha annunciato la sua fuga attraverso Twitter.

Il salario mensile del Venezuela torna sotto i 10 dollari

Il Bolivar venezuelano sta crollando contro il dollaro (ha perso un terzo del valore solo nell’ultima settimana) e il reddito medio dei venezuelani è sceso del 69%, scendendo così da 29,68 dollari Usa a 9,20 dollari Usa, sotto la soglia di povertà estrema della Banca Mondiale.

“Il denaro rubato dai Kirchner è superiore ai 10 miliardi di euro”

Mariana Zuvic conosce molto bene Cristina Kirchner. Il padre della attuale deputata nazionale era un grande amico di Nestor Kirchner prima di scoprire quanto fosse corrotto e allontanarsi lui. Cadde in disgrazia e fu costretto a lasciare la provincia patagonica di Santa Cruz, un feudo dei Kirchner per tre decenni. Si è poi suicidato. Anni dopo, sua figlia è una delle persone che promosse le denunce giudiziarie contro i Kirchner. Sono passati 14 anni dalla prima e la condanna questa settimana di Cristina.

La Zuvic, 48 anni, descrive il modus operandi dei Kirchner, Néstor e Cristina, nel loro rapporto malsano con il denaro. “Dal 2003 al 2015, i Kirchner hanno utilizzato gli aerei della flotta presidenziale per trasferire il denaro fisico, e anche gli aerei di Lázaro Báez, loro prestanome che si aggiudicava le opere pubbliche kirchneriste. La persona incaricata della raccolta dei fondi e del trasferimento nei caveau era l’ex segretario privato Daniel Muñoz, già morto, anch’egli denunciato da noi nel 2009 per arricchimento illecito e per aver servito come prestanome per la famiglia Kirchner, lo stesso con un altro segretario, Fabián Gutiérrez, diventato straordinariamente ricco e ucciso in modo misterioso a El Calafate che per me è stato un assassinio politico”. La Kirchner è stata condannata per avere rubato un miliardo di dollari ma per la deputata è solo il 10% del bottino.

Paolo Manzo, 12 dicembre 2022

Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.