Quarta Repubblica

Dpcm e scontri in piazza: Giordano, Serracchiani, Arditti

Dopo Napoli, Roma, dopo Roma, Torino, Milano, ma anche Trieste. L’Italia non ne può più e scende in strada contro le restrizioni. I non garantiti, i ristoratori, i gestori di locali e palestre, che in larga maggioranza hanno sempre rispettato le regole anti Covid, ora ricevono una mazzata dall’ultimo dpcm, che impone la serrata a fitness e nuoto e il “coprifuoco” alle 18 per aperitivi e cene.

Le manifestazioni si accendono, vengono infiltrate da estremisti e facinorosi, degenerano in scontri con la polizia. Si possono tenere distinte le due anime della protesta, come dice Mario Giordano? O è troppo facile puntare il dito stando calduccio in un salotto tv, come ammette Roberto Arditti? Il dibattito di ieri a Quarta Repubblica, mentre il Paese abbandona i canti sui balconi e comincia a occupare le piazze.

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli