Dylan Dog si arrende al mostro del politicamente corretto

Condividi questo articolo


Dylan Dog, investigatore dell’incubo, anticonformista nato, playboy consumato infine è stato sconfitto. Il detective londinese, giacca nera, camicia rossa, Clarks ai piedi, un’icona insomma, non si è mai arreso al pensiero alla moda. Lo fa ora dopo anni di onorato servizio. Dylan Dog è stato un mito per alcune generazioni di lettori, da quando uscì La notte dei morti viventi, nel 1986. Sceneggiatura del suo inventore, Tiziano Sclavi, disegni di Angelo Stano. Siamo arrivati al numero 399 (Oggi sposi) e assisteremo al matrimonio tra Dylan Dog e il suo aiutante, il simpaticissimo Groucho, freddurista ispirato al grande comico Groucho Marx.

Sarà una gag, un trucco narrativo? No, assicura Roberto Recchioni, direttore e curatore della collana. Sarà un matrimonio d’amore. Certo, un matrimonio un po’ strano visto che Dylan Dog fino a qui è stato un impenitente donnaiolo. Ma tutto è possibile e naturalmente lecito. Anche che Dylan Dog sia innamorato di Groucho. Anche che Dylan Dog, dopo aver sconfitto vampiri e streghe, si arrenda al politicamente corretto. Ma sarà davvero così? O sarà un escamotage per attirare l’attenzione su un fumetto che negli ultimi tempi sembrava avere il fiato corto?

Alessandro Gnocchi, 31 ottobre 2019


Condividi questo articolo


4 Commenti

Scrivi un commento
  1. @Raniero Rizzini Quale rivitalizzazione? Le auto- celebrazioni di Recchioni sono una cosa, i dati di vendita un’altra. La collana da un paio d’anni è precipitata per la prima volta nella sua storia sotto le centomila copie. Un’eresia a pensarci anche solo cinque anni fa.

  2. Sono della generazione di Tex Willer. Non so se la pubblicazione continua ancora oggi, spero di no, non vorrei ritrovarmi Tex che porta all’ altare Tiger Jack o Kit Carson !

  3. Fiato corto non credo proprio…visto che sta vivendo un periodo di rivitalizzazione!
    Recchiono e Bonelli alla grande…

  4. SISISISI! Evvaiiii!
    Il mio fratellone lo ha sempre letto: dall’inizio in pratica!
    Da piccolina mi vide sfogliare un fascicolo e mi chiese; ti piace?
    Io risposi: No! ma hanno le recchie a filippone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *