in

E ora cacciate Conte, l’autocrate in pochette

Dimensioni testo

Si può scrivere finalmente a chiare lettere, quello che tutti i leader, da Zingaretti a di Maio, dicono sottovoce e cioè che il Premier Conte è incapace di svolgere la funzione di Presidente del Consiglio? Si può dire quello che tutti pensano, dal Quirinale alla Corte dei Conti, che mai nella sua storia, Palazzo Chigi, ha vissuto un’incomunicabilità tra i Ministeri come quella attuale? Che mai i Ministri della Repubblica sono stati così distanti tra loro, che si presentano alla cieca nelle riunioni notturne di Consiglio? Che mai i testi legislativi sono usciti così raffazzonati e azzeccagarbugliati dalla Presidenza del Consiglio? Che mai le tabelle macroeconomiche sono state riscritte secondo i like dell’ultimo minuto all‘insegna della filosofia grillina?

Politica dei bonus

Con l’allergia ad ogni investimento, i bonus demagogici a pioggia e una smania di interventismo pubblico in economia che sta rischiando di affondare anche le più solide aziende di Stato. Dopo aver distrutto i conti pubblici con un deficit che viaggia verso il 12% del Pil, il debito oltre il 160%, le imprese, che il Pil dovrebbero generarlo, che chiudono anziché assumere e le giovani generazioni, che dovranno ripagare il debito, che crescono senza istruzione e senza futuro a causa della spregiudicatezza del Premier e i pregiudizi gonfi di invidia del Movimento 5 Stelle.

E come si può negare che in politica estera non abbiamo più alcun ruolo né in Europa né nel mondo e, soprattutto, nel Mediterraneo dove abbiamo perso ogni tipo di credibilità, Libia in primis? E in materia di intelligence, che dire della difesa ad oltranza di una delega che, anziché un onere, sembra solo una voglia di onore che nasconde una bulimia di potere senza precedenti nel nostro Paese?

Premier autoreferenziale

Questi sono i motivi per i quali, che piaccia o no, questa crisi è salutare per far uscire il governo Conte bis dalla melassa in cui si è ficcato. Un Premier che è uno, nessuno e centomila. Solo al comando, ma non decide, non ascolta nessuno, autoreferenziale, che fa fare anticamera anche agli ospiti più illustri e che risponde solo ai dioscuri che si è scelto e che lo guidano nella gestione non della cosa pubblica, ma della sua vanità: Rocco Casalino e Marco Travaglio. Su tutto una macchina mediatica monstre, fatta di sondaggi e di immagini costruite a tavolino nei corridoi di Palazzo Chigi o negli angoli delle strade attorno. La pandemia è sì una tragedia, ma è anche l’occasione per un governo di dare prova di efficienza e serietà e non la farsa alla quale assistiamo, dai banchi di scuola a rotelle al caos incomprensibile dei colori che cambiano ad horas e dei divieti schizofrenici.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
94 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leonardo Donelli
Leonardo Donelli
19 Gennaio 2021 16:40

Benché le mie idee politiche siano diverse, su quello che ha scritto Bisignani sono totalmente d’accordo, a parte la chiosa su Gualtieri, costretto senza sosta a cercare di frenare il dissennato populismo assistenzialistico dei 5S. E bisogna dare atto a Renzi di aver avuto il coraggio di scoperchiare una pentola malefica per il paese. Gliene stanno dicendo di tutto e di più, ma, se non si cambiano passo e programmi, il paese finisce male, ha ragione lui. Non ci resta che sperare in Mattarella.

Franco P
Franco P
15 Gennaio 2021 14:49

Così parlò Bisignani, politico e cittadino di specchiata onestà.

123 stella
123 stella
15 Gennaio 2021 11:42

grande articolo! applausi alla verità dei fatti

Dante Manzi
Dante Manzi
15 Gennaio 2021 9:08

IL PROBLEMA DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI E’ AVERE UN PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE NON PRENDE POSIZIONE IN UNA SITUAZIONE DISASTROSA COME QUELLA CHE STIAMO VIVENDO – QUANDO UNA MACCHINA E’ IRRIMEDIABILMENTE GUASTA SI CAMBIA .!!

Guido Moriotto
Guido Moriotto
15 Gennaio 2021 8:33

Amici.
Al Senato cercasi amici del conte corrente.

stefano
stefano
15 Gennaio 2021 7:43

Questa leggera da 4 soldi reinventato a presidente del consiglio, va mandato a casa una volta per tutte, senza se e senza ma! E’ un dipendente statale anche se di livello alto, tale è, ne più e ne meno e con lui tutti quegli scapestrati e scapestrate che gli girano attorno, pluri pagati da noi contribuenti. A casa!!!

Guido Moriotto
Guido Moriotto
15 Gennaio 2021 7:22

Enciclopedia Treccani: nuovi sinonimi.
Voltagabbana: trasformista, in vendita, a disposizione, costruttore europeo, muratore comunitario, responsabile, soccorso rosso, donatore di sangue, riservista, tinozza, compagno di strada, amico di marciapiede, tifoso del 2023, amico del conte corrente.

sesto
sesto
15 Gennaio 2021 6:52

la pandemia oltre alla libertà fisica ci toglierà il diritto di voto. Ben anche facessero la nuova legge elettorale, per cosa credete abbiano prorogato lo stato emergenziale ? Per non farci votare è tenere ancora le megera Raggi ed Appendino al potere, così come Sala. Conte schifosa come Travaglio, il vero dominus di questo Paese. Come siamo caduti in basso. Renzi ha 600.000 ragioni, come il numero dei permessi x schiavi in agricoltura voluti dalla Bellanova, che però ha mosso un dito x sanare i vari ghetti. Meglio tardi che mai, ma quando si dice no a Salvini, si dice no alla maggioranza degli elettori. Unico paese (pseudo) democratico in cui governa la minoranza. La scusa il sovranismo anti Europa ? Ma se le pentamerde han han fatto campagna elettorale nel 2013 e nel 18 contro euro ed Europa! Poi si sono venduti in massa. Adesso ecco i nuovi Razzi Di Gregorio e Scilipoti..ora però tutto ok!