in

BCE: una nuova Bad Bank per i vecchi crediti deteriorati

bce
bce

Dimensioni testo

Secondo quanto riferito, la Banca centrale europea (BCE) sta spingendo per una “bad bank” per assorbire i prestiti in sofferenza (NPL) rimanenti risalenti alla crisi finanziaria globale del 2007-2009 vista la preoccupazione destata dalla seconda ondata di NPL che sta investendo l’Eurozona.

Le preoccupazioni della banca centrale sono state accentuate dai rinnovati blocchi agli spostamenti della popolazione in tutta Europa in risposta alla rapida ripresa delle infezioni da Covid-19. Inoltre, un’indagine sui prestiti del terzo trimestre della BCE mostra che le banche della zona euro stanno riducendo il credito all’economia e diventando più caute.

La Commissione Europea è tuttavia contraria all’idea di una “bad bank” in quanto è riluttante a rinunciare alle regole dell’UE che richiedono che gli aiuti di Stato alle banche vengano forniti solo dopo che un processo di risoluzione impone perdite agli investitori, secondo il rapporto del Financial Times . Le “bad bank” sono ampiamente viste dagli economisti come un mezzo efficace per ripulire le banche in difficoltà e consentire loro di riprendere la normale attività di prestito in tempi relativamente brevi.

Prima dell’entrata in vigore della direttiva sul risanamento e la risoluzione delle banche, paesi dell’UE come Spagna, Germania e Irlanda hanno utilizzato le “bad bank” per ricostruire le banche gravemente colpite.

Stime delle perdite su crediti

Andrea Enria, capo del consiglio di sorveglianza della BCE, ha recentemente affermato che le banche devono pubblicare stime credibili sulle perdite sui prestiti come parte dei loro aggiornamenti trimestrali. Enria ha minacciato che, a meno che la BCE non fosse soddisfatta di queste stime, il divieto di pagamento di dividendi e riacquisto di azioni potrebbe essere esteso oltre la fine di quest’anno.

Ha avvertito che le banche della zona euro potrebbero dover mettere in conto fino a 1,4 trilioni di euro di NPL a causa della pandemia.

Scope Ratings ha detto in una nota per rendere una “bad bank” o una società di gestione patrimoniale pubblica paneuropea più appetibile per i responsabili politici nazionali, dovrebbe essere limitata alla zona euro. Inoltre, dovrebbe accettare solo NPL legati a pandemia dai mercati principali delle banche ed escludere NPL legacy dall’ultima crisi, che dovrebbe essere affrontata attraverso i meccanismi esistenti.

“Credo che [una società di gestione patrimoniale pubblica], se strutturata in modo intelligente e trasparente in modo rassicurante, contribuirebbe di più alla fiducia del mercato nel settore rispetto all’elusivo terzo pilastro [dello European Deposit Insurance Scheme]”, ha scritto Sam Theodore, responsabile del credito presso Scope Giudizi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments