in

BITCOIN: Tutti i perché di un futuro crollo annunciato. Eppure il prezzo torna a salire

Uno studio di Coast Capital evidenza tutti i punti di debolezza della CriptoValuta

Dimensioni testo

I bitcoin sono destinati al tracollo: lo spiega un’analisi di Coast Capital che ne evidenzia tutti i punti di forte debolezza, contingenti e strutturali. Ma intanto il loro prezzo torna a salire. Conviene comprarli? Conviene venderli? Conviene far finta che non esistano?

Qualche giorno fa mi sono imbattuto in un testo, che spiegava in maniera logica e dettagliata perché il Bitcoin, pur avendo potenzialità indiscutibili di crescita non potrà mai arrivare ad essere quella moneta di riferimento su base mondiale, una moneta in grado di scardinare tutte le altre dal sistema monetario internazionale. Il documento analizzava una serie di dati che riporto nei prossimi passi di quest’articolo e che mi sento di condividere abbastanza.

Perché secondo Coast Capital i Bitcoin sarebbero un flop clamoroso? Ecco le spiegazioni dettagliate dei motivi che adducono.


Volatilità

La volatilità del Bitcoin ha assicurato che non ottenga mai attrazione come valuta. Qualsiasi valuta di successo deve rimanere in gran parte stabile in valore rispetto a un tipico paniere di beni e servizi nella sua giurisdizione locale. Nel corso della sua vita, la volatilità di Bitcoin ha superato quella delle valute occidentali di oltre 10.000 volte. I consumatori preferiscono pianificare i loro acquisti in base alle necessità piuttosto che alle rotazioni della loro valuta.

 

Poca Praticità e troppa energia necessaria (con tutto ciò che comporta)

Un pagamento in Bitcoin richiede tanto tempo ed energia quanto 33.000 passaggi di una carta di credito , il che lo rende di nuovo inutilizzabile. Il primo acquirente che ha provato a pagare la sua Tesla con Bitcoin ha scoperto che il trasferimento di Bitcoin impiega costantemente più tempo rispetto alla finestra di pagamento di 30 minuti assegnata da Tesla. 

Immaginate di dover aspettare 45 minuti per effettuare 33.000 passaggi di carte di credito equivalenti alla diffusione di energia e dati digitali per pagare una bottiglia d’acqua con Bitcoin!

 

Il Bitcoin è moneta di scambio per le truffe informatiche

Janet Yellen, ex governatrice della FED,  ha osservato che il Bitcoin viene utilizzato, “almeno nel senso delle transazioni, principalmente per finanziamenti illeciti”. In quanto entità non regolamentata che pretende di essere una valuta, Bitcoin è ben noto come facilitatore di transazioni di riciclaggio di denaro. David Green di Real Vision ha recentemente concluso che fino al 40% di tutte le transazioni Bitcoin (utilizzate per regolare l’acquisto di beni e servizi) sono fraudolente. Nel frattempo, è difficile tenere il conto del numero di account di criptovaluta che vengono violati e esauriti, o del numero di fondatori di scambi di criptovaluta che scompaiono insieme a miliardi di dollari di bitcoin. 

 

Non ci sono abbastanza monete

A causa della sua offerta attualmente fissa (ci possono essere solo 21 milioni di Bitcoin nel mondo), semplicemente non ci sono abbastanza Bitcoin per i consumatori per condurre i loro affari con questa invenzione imperfetta al posto del denaro tradizionale. Inoltre, un articolo del New York Times del 13 gennaio ha affermato che il 20% dei Bitcoin è probabilmente perso per sempre (a causa della perdita della password, della perdita del portafoglio crittografico, ecc.). 

I profeti del Bitcoin faranno notare che le regole potrebbero essere riscritte da una pluralità di proprietari di Bitcoin e che un numero maggiore (e potenzialmente illimitato) di Bitcoin potrebbe essere coniato, ma poi ciò distruggerebbe le affermazioni di scarsità di Bitcoin e porterebbe a un’inevitabile e catastrofico calo del prezzo di Bitcoin.

 

La più debole di tutte le valute

Senza il sostegno di un Paese Sovrano o di un’entità sovranazionale come nel caso dell’Euro ad esempio, Il Bitcoin è destinato a diventare la valuta più debole del mondo. Ogni Paese del mondo è comprensibilmente protettivo del proprio ecosistema monetario e nessuno consentirà al Bitcoin di usurpare il proprio denaro entro i propri confini.

Se non è una valuta sarà una riserva di valore?

 

Prima e peggiore, delle Criptovalute

Il Bitcoin, come prototipo di criptovalute, contiene molti difetti tecnici e carenze che garantiscono che non sarà il negozio di valore digitale preferito in futuro. Altre criptovalute meno imperfette (come l’Ethereum) supereranno nel tempo il Bitcoin come riserve di valore, solo per essere sostituite a loro volta quando arriva una criptovaluta di design migliore. Ma non basta questo.

 

Origini dubbie

Il 90% dei Bitcoin viene estratto (o sottoposto a hash) in Cina, Iran e Russia, tre paesi che non si preoccupano del benessere finanziario dei consumatori occidentali. Oltre il 50% dei nodi bitcoin (che devono registrare tutte le transazioni affinché il libro mastro sia universalmente accettato) ha sede in Cina, dove viene estratta la maggior parte dei BTC. Se la Cina lo volesse, potrebbe letteralmente distruggere il Bitcoin come entità. La maggior parte dei commercianti di Bitcoin che affermano di aver perso la fiducia nel sistema monetario occidentale probabilmente non si rendono conto che stanno riponendo questa fiducia in coltivatori di Bitcoin cinesi, iraniani e russi senza volto …Inoltre, la Cina attualmente controlla oltre il 50% del mining di Bitcoin, ed è quindi in una posizione di totale controllo sulla criptovaluta.

 

Nessuna sicurezza

Ci sono molti modi per vedere tutti i tuoi Bitcoin scomparire nell’etere da cui provengono. Si può perdere il proprio portafoglio crittografico o semplicemente dimenticare la password. Ad ogni modo, il Bitcoin scompare. Gli scambi su cui vengono archiviati e scambiati i Bitcoin spesso vengono violati e il Bitcoin viene rubato, senza alcun meccanismo per il recupero o il risarcimento.

 

Rischio di concentrazione

Il 95% di tutti i Bitcoin è detenuto dal primo 2% dei detentori , il che rende molto difficile, se non impossibile, per questi uscire dalle loro partecipazioni senza drastici cali del prezzo del Bitcoin.


Un disastro ecologico in corso

Un recente studio del MIT mostra che l’estrazione di Bitcoin genera da 22 a 23 megatoni di anidride carbonica. Inoltre, l’energia spesa per aggiornare e mantenere i registri dei Bitcoin in tutti i diversi nodi del mondo è sufficiente per alimentare il Lussemburgo. Tutto questo per una creazione mal concepita che è quasi garantita senza valore nel tempo. Qualsiasi fondo o investitore focalizzato sul fronte ESG dovrebbe evitare il Bitcoin identificandolo alla stregua di un disastro ecologico in atto.

 

Bitcoin ha aperto la strada al controllo totalitario

I più accaniti sostenitori di Bitcoin lo vedono come uno strumento di libertà finanziaria – un’unità di valuta e/o riserva di valore che non può essere sganciata dai governi e consente lo scambio di transazioni private.

Alcune di queste cose erano vere prima che il governo degli Stati Uniti iniziasse a regolamentare le criptovalute, come ha iniziato a fare. Gli americani che detengono Bitcoin devono dichiarare le loro partecipazioni e transazioni! Ancora più preoccupante, i governi di tutto il mondo hanno annunciato che emetteranno le proprie criptovalute. Il governo saprà esattamente quanti dollari (o euro o yen) hai, dove li tieni e come e quando li spendi. I “ribelli” amanti della libertà che sono frustrati da questa perdita di privacy finanziaria farebbero meglio a ricordare i cripto evangelisti che hanno aperto la strada al governo per completare la supervisione sui nostri portafogli, risparmi e spese.

 

L’articolo è stato realizzato facendo riferimento ad un documento di Coast Capital.

 

Leopoldo Gasbarro

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Prisco
Prisco
1 Maggio 2021 20:16

Opzione 1 , molti sanno che fra poco i conti correnti e depositi bancari non varranno più nulla e si posizionano su portafogli virtuali per pararsi la schiena.
Opzione 2, rete da pesca a strascico per prendere più quanti pesci possibili e poi scendere a 10.000 punti