in

La crisi dei chip. Una sola azienda di Taiwan ne produce il 92% del Mondo

Dimensioni testo

I chip di Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. TSM sono ovunque, anche se la maggior parte dei consumatori non lo sa. L’azienda produce quasi tutti i chip più sofisticati del mondo e anche molti di quelli più semplici. Sono presenti in miliardi di prodotti con elettronica incorporata, inclusi iPhone, personal computer e automobili. Questa concentrazione rappresenta di per se un rischio evidente per il mercato.

La sua tecnologia è così avanzata, ha affermato Capital Economics riferendosi a TSMC, che ora produce circa il 92% dei chip più sofisticati del mondo, che hanno transistor che sono meno di un millesimo della larghezza di un capello umano. Samsung Electronics Co. fa il resto. La maggior parte dei circa 1,4 miliardi di processori per smartphone in tutto il mondo sono realizzati da TSMC.

Mentre gli Stati Uniti sono ancora leader nel mondo nella progettazione di chip e nella proprietà intellettuale con giganti locali come Intel Corp., Nvidia Corp. e Qualcomm, ora rappresentano solo il 12% della produzione mondiale di chip, in calo dal 37% del 1990.

Altri paesi dovrebbero spendere almeno 30 miliardi di $ all’anno per un minimo di cinque anni “per avere una ragionevole possibilità di successo” nel mettersi al passo con TSMC e Samsung, ha scritto IC Insights, una società di ricerca in un recente rapporto.

TSMC produce la maggior parte dei suoi chip a Taiwan e dispone di impianti di chip più vecchi in Cina e nello stato americano di Washington. La fabbrica iniziale è relativamente modesta per gli standard del settore, con una produzione pianificata di 20.000 wafer – ognuno dei quali contiene migliaia di chip – ogni mese utilizzando la più sofisticata tecnologia di produzione di semiconduttori a 5 nanometri dell’azienda .

L’amministrazione Biden si prepara a spendere decine di miliardi di dollari per sostenere la produzione nazionale di chip. In base alla legislazione esistente, le imprese straniere possono beneficiare di tali fondi, ma se alla fine li riceveranno è una questione aperta.

 

Carenza di chip nel settore auto: a rischio la nuova produzione

Nel frattempo, le case automobilistiche statunitensi sono a corto di chip. Nel corso della pandemia di Covid, le case automobilistiche avevano tagliato gli ordini e ora invece vorrebbero tornare in prima linea con la produzione.

TSMC non sta aumentando gli ordini e questo è un altro motivo per cui alcuni modelli sono difficili da trovare.  Le case automobilistiche di tutto il mondo sono state costrette a fermare o rallentare la produzione a causa di una carenza globale di chip semiconduttori.

Secondo Statistics Canada, ad esempio, l’industria automobilistica canadese è stata colpita dalla carenza da gennaio, ma è peggiorata ad aprile poiché tutti i principali produttori di automobili hanno dovuto interrompere o rallentare la produzione.

“In alcuni casi, significa che i produttori stanno costruendo veicoli senza i chip, conservandoli in loco fino a quando non saranno in grado di risolvere il problema. Alcuni produttori stanno posticipando l’introduzione dei modelli”, ha affermato Blair Qualey, presidente della New Car Dealers Association of BC.

“Le auto usate sono come gli immobili in questo momento. Ci sono auto che stanno vendendo per importi nettamente più alti: 25, 30 per cento, 40 per cento in più di quanto avrebbero venduto contemporaneamente un anno e mezzo fa”.

 

Scheda informativa di Biden

L’8 giugno, una scheda informativa della Casa Bianca ha  annunciato una task force per comprendere come gestire le interruzioni della catena di approvvigionamento e per affrontare le discontinuità della catena di approvvigionamento a breve termine. Nel documento tra l’altro si legge:

“Il Dipartimento della Difesa (DOD) ha annunciato un investimento nell’espansione della più grande azienda di estrazione e lavorazione di elementi delle terre rare al di fuori della Cina per fornire le materie prime necessarie per aiutare a combattere la crisi climatica.
E l’amministrazione Biden-Harris sta lavorando per affrontare le vulnerabilità informatiche critiche alle catene di approvvigionamento e alle infrastrutture critiche degli Stati Uniti, incluso l’emissione di E.O. 14028 su “Migliorare la sicurezza informatica della nazione” proprio il mese scorso.

Oggi, basandosi su questi sforzi, l’amministrazione ha rilasciato i risultati delle valutazioni complete della catena di approvvigionamento di 100 giorni per quattro prodotti critici: produzione di semiconduttori e confezionamento avanzato; batterie di grande capacità, come quelle per veicoli elettrici; minerali e materiali critici; e prodotti farmaceutici e principi attivi farmaceutici (API). L’amministrazione sta intraprendendo azioni immediate per affrontare le vulnerabilità e rafforzare la resilienza con il lancio di un nuovo sforzo volto ad affrontare le interruzioni della catena di approvvigionamento a breve termine. E, ai sensi dell’E.O. 14017, sta elaborando strategie per sei basi industriali che sostengono la sicurezza economica e nazionale dell’America, che saranno completate entro un anno. Le revisioni della catena di approvvigionamento rafforzano la necessità degli investimenti trasformativi proposti nel President’s American Jobs Plan.

Questi sforzi sono fondamentali perché, come hanno dimostrato la pandemia di COVID-19 e la conseguente crisi economica, le debolezze strutturali nelle catene di approvvigionamento sia nazionali che internazionali minacciano la sicurezza economica e nazionale dell’America….Le azioni annunciate oggi dall’amministrazione Biden-Harris sono il primo passo in uno sforzo dell’intero governo per rafforzare la competitività interna e la resilienza della catena di approvvigionamento”.

L’intenzione è quella di ricreare una forte produzione interna. Gli investimenti saranno consistenti, ma intanto ci vorrà del tempo, tempo in cui l’esposizione al rischio di “MANCANZA” di approvvigionamenti resta molto alta. Auto, computer, telefoni, elettrodomestici americani, occidentali, rischiano di restare in fabbrica senza poter essere utilizzati?”.

Vedremo cosa accadrà…

 

Leopoldo Gasbarro

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tommaso_Ve
Tommaso_Ve
21 Giugno 2021 15:59

Volgiamo dirla tutta? Le case automobilistiche hanno perpetrato una politica di acquisti suicida. Oltre andare a grattare anche l’ultimo centesimo, hanno disatteso una delle regole base: “Involve your supplier” che diventa “involve your partner”. E’ una regola, se non la capite finite con la faccia nella m… prima o poi succede. Seconda regola cannata: analisi della sensibilità del fornitore. Cosa vuol dire? Se il fornitore X smette di fornire il componente cosa succede? Hai un’alternativa? No? Sei morto.
…risposta…

Werner
Werner
21 Giugno 2021 12:19

Tutte le concentrazioni produttive in un solo paese rappresentano un fatto negativo. In Europa ormai non produciamo più nulla, la deindustrializzazione avanza in favore dei paesi dell’Estremo Oriente.